Arrivano i “Distretti del cibo”


Presentati dal Mipaaf nei giorni scorsi come “un nuovo strumento previsto dalla legge di bilancio per garantire ulteriori risorse e opportunità per la crescita e il rilancio a livello nazionale di filiere alimentari e territori”. Fra i vari tipi di distretti previsti anche quelli biologici

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf) – che ne da notizia in un Comunicato stampa - ha presentato nei giorni scorsi a Bergamo i “Distretti del cibo”, un nuovo strumento previsto dalla legge di bilancio per garantire ulteriori risorse e opportunità per la crescita e il rilancio a livello nazionale di filiere e territori. All'evento sono state presentate le linee di azione per i nuovi distretti e alcuni esempi di realtà già operative. I nuovi Distretti sono definiti come:

  • distretti rurali e agroalimentari di qualità già riconosciuti o da riconoscere;
  • distretti localizzati in aree urbane o periurbane caratterizzati da una significativa presenza di attività agricole volte alla riqualificazione ambientale e sociale delle aree;
  • distretti caratterizzati dall'integrazione fra attività agricole e attività di prossimità.
  • distretti biologici.

Per garantire lo sviluppo di tutto il territorio e non solo delle singole filiere, i nuovi Distretti opereranno attraverso programmi di progettazione integrata territoriale. Il riconoscimento dei Distretti viene affidato alle Regioni e alle Province autonome che provvedono a comunicarlo al Mipaaf presso il quale è istituito il Registro nazionale dei Distretti del Cibo, disponibile sul sito del Ministero. Per il rilancio del settore e per il sostegno ai distretti sono stati stanziati 5 milioni di euro per il 2018 e 10 milioni a decorrere dal 2019.

"C'è bisogno di un salto di qualità nella gestione delle politiche del cibo per far sviluppare ancora i nostri territori. Per questo abbiamo voluto con forza uno strumento di programmazione e progettazione territoriale come i Distretti del cibo. L'esperienza dei distretti - commenta il Ministro Maurizio Martina - va rilanciata e rafforzata, perché a tutela delle imprese agricole vanno costruiti rapporti più stretti nelle filiere e servizi che guardino a tutto il territorio nel suo complesso. Vuol dire mettere insieme imprese, cittadini, associazioni, istituzioni per realizzare obiettivi comuni. È una scelta innovativa, che consente al nostro Paese di guardare allo sviluppo locale e alla tutela del paesaggio con un approccio nuovo. Penso al tema del rapporto tra città e agricoltura, alla più stretta collaborazione tra realtà agricole e attività di prossimità, a partire dai mercati contadini, dall'integrazione col turismo fino ai distretti del biologico, dove la sostenibilità diventa leva di competitività anche fuori dai confini strettamente agricoli. Per la prima volta facciamo una scelta di sostegno chiara, con risorse certe e pluriennali, che aiuteranno lo sviluppo dei progetti. Nell'anno nazionale del cibo italiano e dopo Expo, mettiamo un altro tassello centrale per dare forza al Made in Italy agroalimentare".
Tra gli esempi di “Distretti del cibo” sono stati indicati il Bio-distretto dell'agricoltura sociale di Bergamo, il Distretto rurale della maremma, il Consorzio distretto agricolo di Milano-Dam,  il Distretto agricolo Bassa Bergamasca-DABB.

Per saperne di più leggi il Comunicato stampa

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here