Arriva il decreto anti-Ogm a tre firme?


L’iniziativa è del ministro delle Politiche agricole, Nunzia De Girolamo, che ha scritto una lettera ai colleghi di Ambiente e Salute. Timorii sulle possibili reazione dell’Ue

Dopo il gesto dimostrativo di qualche giorno fa di Giorgio Fidenato, l’agricoltore friulano che ha seminato mais Mon 810 nel suo campo, in una intervista al Corriere della Sera, il ministro delle Politiche agricole, Nunzia De Girolamo, ha annunciato l'arrivo di un "decreto anti-Ogm a tre firme": la sua, quella del ministro dell'Ambiente e del ministro della Salute. "Credo la pensino come me, almeno a giudicare dalle dichiarazioni rilasciate in questi giorni", ha detto De Girolamo, che ha scritto una lettera ai colleghi per sollecitare l'adesione al provvedimento che vieti la coltivazione di Organismi geneticamente modificati in Italia. Ne riferisce la pagina web di Agro Notizie. Dove si legge ancora: si tratta, per la verità, di un decreto che già sul nascere rischia la bocciatura da parte dell'Ue, alla luce della sentenza della Corte di giustizia europea che ha stabilito che la messa in coltura di varietà Ogm autorizzate dall’Ue non può essere sottoposta a procedure nazionali. "L'Europa lo potrebbe impugnare, è vero - ammette De Girolamo - e ci esponiamo a una violazione delle regole comunitarie. Però nei confronti della Francia, che ha bloccato le coltivazioni Ogm con un provvedimento simile, Bruxelles non ha ancora avviato la procedura d’infrazione".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here