Un progetto per monitorare le api in ambiente urbano


E’ l’oggetto di un protocollo d’intesa che coinvolge Conapi, Legambiente e il dipartimento di Scienze Agrarie dell'Università di Bologna. Presenti anche il orti urbani di Bologna, Milano e Potenza, le tre città coinvolte nel progetto

Il Consorzio nazionale apicoltori (Conapi) e Legambiente hanno firmato a Bologna – riferisce una nota dell’ANSA - il protocollo d'intesa sull'importanza delle api come bioindicatori dell'inquinamento ambientale e sui principi dell'agricoltura biologica. Alla firma. oltre a Diego Pagani e Rossella Muroni, presidenti rispettivamente di Conapi e Legambiente, erano presenti Claudio Porrini e Giovanni Bazzocchi del dipartimento di Scienze agrarie dell'Università di Bologna, Andrea Segrè, presidente di Caab e Fondazione Fico e Duccio Caccioni, presidente dell'Agenzia locale di sviluppo Pilastro/Distretto nord est onlus. La firma è stata anche l'occasione per presentare 'Api e Orti', il progetto partecipativo attivo nell'area Caab-Fico di Bologna e negli orti urbani di Milano e Potenza, che prevede il monitoraggio delle api per valutarne la salute in ambiente urbano attraverso analisi di laboratorio in grado di individuare anche sostanze tossiche introdotte nell'ambiente. Il progetto coinvolge Legambiente, Conapi e il dipartimento di Scienze Agrarie dell'Università di Bologna, che ha fornito i contenuti scientifici, lo schema del progetto e il protocollo per le attività del biomonitoraggio. Protagonisti del progetto anche gli orti urbani delle tre città, messi a disposizione dei cittadini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here