Trebbiatori, agricoltori e mulino insieme per valorizzare il frumento tenero biologico


L’accordo, stipulato due anni fa, alla prima prova con il mercato con la mietitura e la molitura del 2014

Quello del 2014, nel Monferrato, sarà il raccolto di frumento bio con cui entrerà a pieno regime l'accordo stipulato tra Atima, l'Associazione Trebbiatori ed Imprese Meccanizzate Agricole della Provincia di Asti, e il Mulino Marino. Ne dà notizia una nota dell’Ansa.
L'intesa, che ha visto la semina di varietà di frumento tenero biologico da parte di alcune aziende associate e certificate bio, è giunta ora alla fase di conferimento presso il Mulino Marino di Cossano Belbo, in provincia di Cuneo. ''Accordi come questo con il Mulino Marino - ha detto Paolo Pregno, presidente Atima - evidenziano come si stiano mettendo in campo strategie che ottimizzano le potenzialità della nostra rete favorendo lo sviluppo''.
Le farine biologiche così prodotte, spiega la nota, esaltano il sapore del territorio in quanto il Mulino Marino, certificato bio dal 1997, macina i cereali senza nessun miglioratore esterno con processo di macinazione lento e naturale.
''Da quando abbiamo messo a punto l'accordo di filiera, questo è il momento in cui siamo arrivati alla fase più importante che è quella di valutazione del prodotto - ha spiegato Gianluca Ravizza, direttore Atima -. Le aziende interessate al momento sono quattro per un totale di circa una ventina di ettari. La resa ha visto punte di 50 quintali per ettaro. Numeri che per il grano biologico sono soddisfacenti. Possiamo prevedere una media stimata tra i 35 e i 40 quintali per ettaro. Consideriamo il raccolto del 2014 come un banco di prova importante per coinvolgere altre aziende nel futuro''.
Atima è presente nella provincia di Asti dal 1949. Conta oggi 800 associati tra aziende agromeccaniche (il 60% di quelle attive sulla provincia di Asti) e agricole alle quali garantisce rappresentanza sindacale in tutte le sedi istituzionali, facendo capo all'organizzazione nazionale Confai (Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here