Torna l’alta formazione in Agricoltura biologica


E’ quella offerta dall’Università degli studi di Urbino con un corso arrivato alla sua terza edizione. Tre moduli di 30 ore ciascuno con lezioni, laboratori, seminari, visite aziendali: 1. le agricolture biologiche: elementi qualificanti e aspetti tecnico-produttivi, 2. Dall’azienda al food system, politiche, normative e 3. Politiche, normative e strategie per le imprese agricole biologiche. Iscrizioni entro il 20 febbraio

Aperte, sino al 20 febbraio 2018, le iscrizioni al corso di formazione permanente “Modelli, politiche e strategie per lo sviluppo dell’agricoltura biologica” dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Ne dà notizia il SINAB. Il corso, specializzato in agricolture biologiche, ha l’obiettivo di ampliare le conoscenze delle diverse figure professionali interessate a operare nel settore del biologico.

L'obiettivo del Corso è fornire gli elementi essenziali dei modelli identificabili come di agricoltura biologica, analizzati mediante un approccio sistemico, con riferimento agli aspetti più prettamente tecnico-agronomici e a quelli relativi alla regolamentazione e alle politiche di sostegno, alle strategie di impresa e agli strumenti di marketing e comunicazione per la valorizzazione delle produzioni.

La struttura didattica del corso prevede tre moduli di 30 ore ciascuno, costituiti da lezioni teoriche, laboratori, seminari, visite aziendali: 1) le agricolture biologiche: elementi qualificanti e aspetti tecnico-produttivi, 2) Dall’azienda al food system, politiche, normative e 3) Politiche, normative e strategie per le imprese agricole biologiche.

In collaborazione con il Dipartimento di Economia, Società, Politica dell’Università di Urbino, hanno partecipato alla creazione del corso: il Comune di Isola del Piano (PU), COSPE Onlus, la Tenuta di Montebello, la Fondazione Girolomoni, il Consorzio Marche Biologiche, l’Alleanza delle Cooperative Italiane, l’Associazione Medici per l’Ambiente, il Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria (CREA).

Per saperne di più

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here