Dall’arancia al limone le scorze degli agrumi sono un ingrediente davvero eccezionale che impreziosisce piatti salati e dolci. Scoprite come utilizzarle al meglio in questa sfiziosa panoramica

5 ricette con le scorze d’agrumi: Pacchetti di carote e cavolo cappuccio in salsa di porri - Tortelli di cavolo nero e ceci in salsa di nocciole all’arancia - Nidi di cavolo cappuccio e cipolle piccanti al mandarino Biscottoni di riso al limone con cioccolato bianco e aranciaZuccotti di cioccolato e ricotta con crema all’arancia

Con il loro profumo intenso e caratteristico, le scorze degli agrumi, prima di tutte quelle di arancia e di limone, svolgono in cucina le stesse azioni delle erbe aromatiche e delle spezie. Da una parte esaltano gli aromi e i sapori delle pietanze, dall’altra, grazie alla loro personalità decisa, consentono di ridurre la presenza di sale e di condimenti grassi, oppure di zucchero nel caso dei dessert. Sono due i consigli base quando si adoperano le scorze come ingrediente. Il primo è quello di usare soltanto frutti “puliti”, provenienti dall’agricoltura biologica. Bei prodotti convenzionali, difatti, nelle scorze possono restare i residui delle sostanze chimiche utilizzate durante la coltivazione ma anche i conservanti aggiunti durante lo stoccaggio (la cui presenza deve essere però segnalata in etichetta). Il secondo suggerimento è quello di imparare a dosarli: il loro aroma è meraviglioso ma può prevalere sugli altri sapori. Se non siete esperti, aggiungetene piccole quantità all’inizio e assaggiate, regolandovi di conseguenza.

Facciamone scorta!

La scorza degli agrumi ha una grande resistenza e sopporta in maniera ottimale la congelazione anche di lunga durata, mantenendo viva la carica aromatica di origine. Perciò il suggerimento è quello di approfittare dell’inverno per fare scorta di scorzette di arance, limoni, mandarini, cedri, clementine, bergamotto e averle sempre pronte al momento di cucinare.

Ecco le 5 regole per ottenere un risultato perfetto

1.    Lavate bene i frutti, anche se biologici, e poi asciugateli con attenzione: la scorza bagnata, infatti, ostacola il lavoro della grattugia.
2.    Grattugiate le scorze di più frutti. Quindi dividete la scorza ottenuta in piccole parti, ad esempio un cucchiaino o un cucchiaio, avvolgendola nella pellicola da cucina, che consente di vedere anche da congelato il contenuto. Quindi chiudete i fagottini attorcigliando i lembi e ottenendo una sorta di caramella.
3.    Sistemate i fagottini di scorza in un sacchetto di plastica trasparente per il freezer in modo da proteggerli ulteriormente.
4.    Conservate le scorze nel freezer per un tempo massimo di 6 mesi. Al bisogno non dovrete scongelarle ma potrete utilizzarle direttamente nelle preparazioni: tra le dita si sgraneranno con estrema facilità.
5.    Congelate anche il succo degli agrumi nel caso non lo utilizziate. L’ideale è sistemarlo nelle vaschette per il ghiaccio. Una volta rassodati, i cubetti si potranno trasferire nei sacchetti per alimenti da congelare. In questo modo diventerà molto pratico prelevare di volta in volta la giusta quantità di succo che vi servirà nelle ricette.

Ecco alcune proposte “agrumate”.

Pacchetti di carote e cavolo cappuccio in salsa di porri
Difficoltà: Media
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 50 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

Tortelli di cavolo nero e ceci in salsa di nocciole all'arancia
Difficoltà: Media
Preparazione: 50 minuti
Cottura: 25 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

Nidi di cavolo cappuccio e cipolle piccanti al mandarino
Difficoltà: Facile
Preparazione: 15 minuti
Cottura: 25 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

Biscottoni di riso al limone con cioccolato bianco e arancia
Difficoltà: Facile
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 15 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

LASCIA UN COMMENTO