Crudo e gourmet
Salute al cucchiaio

Foto di Luca Colombo

La mancanza di cottura non significa che i piatti debbano essere serviti freddi. È il caso di questa particolare crema vegetale, da gustare deliziosamente tiepida

In autunno e in inverno, a differenza dell’estate quando cerchiamo cibi crudi e rinfrescanti, possiamo sentire il desiderio di mangiare alimenti caldi. Ma questo non implica che dobbiamo cuocere tutto, perché crudo non vuol dire necessariamente freddo! Sfatiamo questo falso mito, in quanto molti piatti crudisti vanno degustati anche tiepidi o caldi. Ad esempio le bevande e le vellutate possono essere preparate con acqua calda invece che fredda, o scaldate nell’essiccatore a temperatura controllata, oppure a bagnomaria, o semplicemente sopra a un calorifero. L’importante è che gli alimenti non si cuociano o, meglio, che non superino i 42 gradi di temperatura, poiché, secondo la teoria crudista, questa è la temperatura oltre la quale si cominciano a impoverire perdendo nutrienti ed enzimi preziosi.

 

Ecco una vellutata a cui è difficile resistere!

Vellutata di zucca speziata
Difficoltà: facile
Preparazione: 15 minuti
Cottura:
Ricetta di Patrizia Romeo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here