Salone del Gusto e Terra Madre 2014


Oggi l’inaugurazione con la presentazione ufficiale del percorso che Slow Food realizzerà all’interno di Expo 2015. Lunedì 27 incontro con i produttori per far conoscere e ampliare la rete del progetto Solidale italiano-Altro mercato

Mercoledi 22 ottobre alle ore 18 al Palasport Alpitour di Torino si svolgerà la cerimonia di apertura di Salone del Gusto e Terra Madre 2014 che sarà anche trasmessa in diretta streaming su www.slowfood.it e www.slowfood.com. Tra i molti appuntamenti, anche la presentazione ufficiale del percorso che Slow Food realizzerà all’interno di Expo 2015. Il tema di Expo, come è noto, è «Nutrire il Pianeta. Energia per la vita.». Slow Food ha scelto di interpretarlo attraverso la biodiversità, quindi il Salone del Gusto e Terra Madre 2014 (dedicati ad Arca del Gusto e Agricoltura Familiare) sono il luogo ideale per raccontare in anteprima che cosa avverrà durante i 6 mesi di Expo nei 3 mila metri quadrati affidati alla nostra Associazione. La conferenza, che si terrà alle ore 18 in Sala Gialla, vedrà la partecipazione di Carlo Petrini, del portavoce di Expo dei Popoli (il raggruppamento della società civile italiana) Giosuè De Salvo, del Commissario unico di Expo Giuseppe Sala e di una delle giovani leader di Slow Food in Africa, l’egiziana Sara El Sayed. Un’occasione unica per conoscere da vicino questo evento tanto atteso e tanto discusso, dove Slow Food vuole giocare fino in fondo la sua parte sul piano dei contenuti.

Il programma completo della manifestazione lo potete scaricare qui

Al Salone del Gusto e Terra Madre 2014, sarà presente anche Altro mercato, con uno spazio espositivo dedicato al Solidale Italiano, l’applicazione dei princìpi del fair trade alle realtà dei Produttori del nostro Paese. Lunedì 27 ottobre, dalle 15 alle 17 presso lo Stand Slow Food Oval,  si svolgerà un incontro con i produttori per far conoscere e ampliare la rete del progetto cui adrriscono l’Associazione Italiana per l’agricoltura biologica (Aiab), il Gruppo Cooperativo CGM e Slow Food Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here