Recuperare la tolleranza alimentare


Essere allergici non è, come creduto fino a ieri, un difetto o una sfortuna. Si tratta semplicemente della perdita del controllo attivo che ogni essere vivente mette in atto fin dalla nascita per conquistarsi, con fatica, la tolleranza verso le sostanze alimentari, respiratorie o ambientali che lo circondano

Editore: Tecniche Nuove
Pagine: 128
Formato: 14,3x21 cm
Anno: 2011
Prezzo: 8,90 euro

Essere allergici non è, come creduto fino a ieri, un difetto o una sfortuna. Si tratta semplicemente della perdita del controllo attivo che ogni essere vivente mette in atto fin dalla nascita per conquistarsi, con fatica, la tolleranza verso le sostanze alimentari, respiratorie o ambientali che lo circondano. Tutti quindi nasciamo allergici e intolleranti a tutto, e solo il controllo attivo fa la differenza tra chi mantiene la tolleranza (il sano) e chi la perde (e diventa appunto allergico o intollerante). Le soluzioni al problema allergia, alla luce di questa impostazione, suffragata da numerose e autorevoli ricerche, cambiano allora di registro. Va quindi migliorata l’alimentazione, controllando le intolleranze alimentari e riducendo l’infiammazione, integrando o reintegrando i minerali, riequilibrando l’aspetto psicoemotivo, e stimolando processi simili a quelli dello svezzamento. E il risultato non è l’esclusione a vita dei cibi ritenuti responsabili, ma il recupero della tolleranza e la possibilità di tornare a mangiare tutto.

L'autore

Attilio Speciani
Attilio Speciani è specialista in Allergologia e Immunologia clinica e in Anestesiologia e Rianimazione, medico diplomato Agopuntore, direttore scientifico Eurosalus (www.eurosalus.com), direttore sanitario SMA (Servizi Medici Associati) e fa parte del CTS Regione Lombardia di medicina complementare. Alla base del suo approccio professionale sta il concetto di medicina integrata: una medicina tout court, capace di accogliere e utilizzare tutte le diverse tecniche terapeutiche disponibili, senza alcuna preclusione nei confronti della medicina convenzionale, dell’omeopatia o dell’agopuntura. Perché naturalmente di medicina ne esiste una sola, quella che aiuta il malato a guarire scegliendo di volta in volta gli strumenti più adeguati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here