I legumi sono alla base dell’alimentazione umana, soprattutto perché sono tra i vegetali più ricchi di proteine. Potete consumarli freschi o secchi, ma potete anche preparare degli ottimi piatti con le diverse farine di legumi: di ceci, di soia, di piselli, di lenticchie. Un modo originale per godere di un apporto proteico totalmente vegetale. 

Ecco 6 idee gastronomiche tratte dal ricettario di "Cucina Naturale": Crespelle di ceci con funghi spinaci e nocciole - Crostata di mandorle con lamponi e uva - Panelle di piselli farcite con cime di rapa allo zenzero - Spiedini di cavoletti impastellati e carote all'aceto balsamico - Tacconi di fava con pomodoro fresco e pecorino di fossaBiscotti integrali al miele con noci e datteri

I legumi sono la migliro fonte proteica di origine vegetale.  I legumi di maggior consumo nel nostro Paese sono: ceci, fagioli, piselli, lenticchie e fave. Ma stanno diventando sempre più parte integrante dela nostra alimentazione anche la soia, i lupini, le cicerchie e le arachidi. Queste ultime erronemaente molti pensano siano una frutta secca in guscio.

Con la maggior parte di queste leguminose si preparano anche delle ottime farine, ideali per le più svariate preparazioni culinarie, come le 6 ricette che trovate di seguito.

E' importante conoscere le loro peculiarità e le loro caratteristiche organolettiche per utilizzrle al meglio. 

Le farine di legumi

Farina di fagioli
Questa farina si ottiene macinando a pietra i fagioli essiccati. Si ottiene così una farina molto fine e ricca di proteine, fibre e carboidrati a basso indice glicemico. Idelae per la preparazione di creme, zuppe, pasta e torte salate.
Farina di ceci
Tra le farine di legumi è indubbiamente quella più utilizzata. Si ottine dalla macinazione dei semi essiccati del cece. E' molto duttile il suo impiego in cucina. Due sono le ricette della tradizione italiana  più note per il suo utilizzo la farinata ligure e le panelle siciliane. Ottima anche per preparare la pasta fatta in casa, mescolata con la farina di gran duro, per la sfoglia di  torte dolci e salate, per gli gnocchi. Il suo uso non si ferma qui. E' infatti usata anche come addensante, come legante, per esempio per una frittata o delle polpette o per impanare 
Farina di piselli
Si ricava dalla macinazione dei piselli verdi essiccati e decorticati., dalla quale si ricava una farina molto fine che conserva il colore verde del vegetale. Si usa per la preparazione di pane, pizze e focacce, per zuppe, per la preparazione del seitan (in combinazione al glutine in polvere): per arricchirlo degli amminoacidi non presenti nel frumento
Farina di soia
Si ottine dai residui secchi (già decorticati dei semi di soia, rimanenti della spremitura per la separazione dell'olio.  Di farine di soia ne esistono diversi tipi, che differiscono  soprattutto per il tenore lipidico (sgrassatura) e per il livello di denaturazione proteica. Esiste anche una farina di soia totalmente grezza, ottenuta attraverso una tecnologia chiamata "Alpine Belle Mill"; che prevede che non venga tostata e nemmeno sgrassata, contiene però meno proteine di quella tradizionale.
La farina di soia in cucina è utilizzata sia come addensante sia come ingrediente base per la preparazione di pastelle e infarinature ma anche per la preparazioen di prodotti da forno, miscelata ad altri tipi di farine. 
Farina di lenticchie  
Si ottiene dalle macinatura delle lenticchie essiccate. Tra le farien di legumi è quella più ricca di fibre. Ottima per preparare  pane, pizze e  focacce ma anche crespelle, piadine e sfoglie per torte salate e pasta fatta in casa, unita ad altri tipi di farine. Si usa anche come addensante per creme e zuppe e, per le pappe dei bambini, è un vero toccasana.  Ingrediente ideale anche per la pasta fatta in casa, polpette, burger e falafel. 

Tacconi di fava con pomodoro fresco e pecorino di fossa
Difficoltà: Difficile
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 20 minuti
Ricetta di Mirco Carati

Crespelle di ceci con funghi spinaci e nocciole
Difficoltà: Facile
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 40 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano



Biscotti integrali al miele con noci e datteri
Difficoltà: Facile
Preparazione: 10 minuti
Cottura: 10 minuti
Ricetta di Barbara Toselli

Crostata di mandorle con lamponi e uva
Difficoltà: Media
Preparazione: 40 minuti
Cottura: 20 minuti
Ricetta di Antonio Zucco

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here