Grazie alla loro piacevole delicatezza i porri hanno trovato un proprio spazio in cucina, pur facendo parte della stessa famiglia dei più utilizzati e prorompenti aglio e cipolla. Ecco alcune ricette semplici e veloci per portare in tavola questi deliziosi ortaggi

5 ricette con i porri: Patè rosso di ceci e porri con finocchi croccanti - Polenta morbida alla robiola con porri caramellati - Terrine ai porri e nocciole con salsa allo zenzero - Zuppa d'orzo, erbette e porri - Tagliolini di castagne con porri al vino rosso e mandorle

Originari del Medio Oriente, noti e utilizzati già al tempo dei Romani, i porri sono presenti sul mercato tutto l’anno. Le varietà invernali hanno in genere dimensioni maggiori rispetto alle varietà estive. Del porro si utilizza in cucina prevalentemente la parte bianca, di sapore e consistenza più delicati. La parte verde delle foglie, almeno in parte, può essere utilizzata in minestre e zuppe di verdure. Di gusto più dolce rispetto a cipolle e aglio, sono più facilmente graditi da adulti e bambini. Gustateli in minestre e passati di verdure, ma anche stufati da soli o con altre verdure. Utilizzateli al posto delle cipolle se avete familiari o ospiti che non le amano. È possibile anche mangiarli crudi,  aggiungendone, piccole quantità tagliate molto sottili a insalate di altre verdure.

Le virtù dei porri

Il loro gusto leggermente piccante, comune anche a cipolle ed aglio, è dovuto alla presenza di alcuni principi attivi che sembrano dotati di proprietà protettive nei confronti dei tumori. I porri sono inoltre una buona fonte di fosforo, magnesio, zolfo e potassio. A quest’ultimo minerale, in particolare, è dovuto lo spiccato effetto diuretico che ne fa un rimedio utile per chi soffre di ipertensione e ritenzione di liquidi. I porri paiono inoltre dotati di un effetto regolarizzatore sulla concentrazione di zuccheri nel sangue e sono quindi raccomandabili ai diabetici.

Buono a sapersi

•    All’acquisto scegliete fusti bianchi e compatti che non presentano ingiallimenti né alla base né nella parte verde.
•    Nel verde dei porri tendono a  concentrarsi i nitrati utilizzati nei fertilizzanti. Preferite perciò quelli di produzione biologica.
•    Conservateli in frigorifero nella parte bassa, avvolti in un canovaccio per 3 o 4 giorni.
•    Per pulirli bene dalla terra che spesso si annida nella parte alta delle foglie, eliminate la parte terminale verde, tagliate il fusto in due per il lungo, iniziando un paio di centimetri sopra la base. Lavatelo quindi sotto l’acqua corrente foglia per foglia.

Provateli in queste deliziose ricette.

Paté rosso di ceci e porri con finocchi croccanti
Difficoltà: Facile
Preparazione: 15 minuti
Cottura: 30 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

Polenta morbida alla robiola con porri caramellati
Difficoltà: Media
Preparazione: 10 minuti
Cottura: 25 minuti
Ricetta di Barbara Toselli

Terrine ai porri e nocciole con salsa allo zenzero
Difficoltà: Media
Preparazione: 25 minuti
Cottura: 20 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

Zuppa d'orzo, erbette e porri
Difficoltà: Facile
Preparazione: 20 minuti
Cottura: 60 minuti
Ricetta di Piera Gatti

Tagliolini di castagne con porri al vino rosso e mandorle
Difficoltà: Facile
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 25 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here