Cucina sfiziosa
Zucchine fusion e di stagione

Foto di Laila Pozzo

Ricette salate che hanno come filo conduttore le zucchine, uno degli ortaggi più presenti sulle tavole estive. Pietanze originali e gustose, anche con ingredienti tipici di cucine di altre culture

Chi ha provato a coltivarle sa che le zucchine danno molta soddisfazione: crescono velocemente e una pianta ne produce tante. Ma nulla va sprecato: le più piccole si mangiano crude, le giganti sono ottime per passati di verdura.

Ricchissime di acqua e di potassio, con un buon apporto di magnesio, più abbondante nella varietà a buccia scura, sono ottime contro la stanchezza dei primi caldi.

Sono molto digeribili, adatte ai bambini piccoli e agli anziani, inseribili in ogni tipo di dieta per il lor basso apporto calorico.

Zucchine in cucina

Le zucchine possono essere conservate in frigorifero per circa una settimana, dopo essere state lavate e asciugate, sebbene sia preferibile consumarle nell’arco di 2-3 giorni. Non conviene conservarle a lungo per evitare la perdita delle caratteristiche nutritive. Per la conservazione nel congelatore occorre sempre lavarle e asciugarle bene, tagliarle a fette spesse un centimetro, passarle in acqua bollente per un minuto, lasciarle raffreddare e riporle poi in congelatore in un apposito contenitore.

È importante ricordare che nelle zucchine la buccia contiene la maggior parte delle vitamine e dei minerali utili all’organismo. Non bisogna quindi scartarla se si vuole ottenere il massimo dei benefici. Sia la vitamina C che l’acido folico sono molto sensibili al calore, pertanto bisogna cuocere questi ortaggi nel modo giusto. L’ideale sarebbe il loro consumo a crudo.

Ecco le nostre allettanti proposte.

Quinoa nera con feta marinata, zucchine allo zenzero e fave
Difficoltà: media
Preparazione: 45 minuti
Cottura: 40 minuti
Ricetta di Jolanta Gorzelana



Rollè di zucchine e crescenza con cicorino al melone
Difficoltà: facile
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 20 minuti
Ricetta di Carla Barzanò

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome