Stasera sono cavoli!

Foto di Laila Pozzo

Oltre ad essere ricchi di qualità nutritive e protettive, i cavoli sono anche buoni: crudi o cotti, stufati o appena scottati…

Se i cavoli non godono di buona fama presso un po’ troppa gente, bambini in testa, questo è dovuto forse al fatto che spesso anziché essere “cucinati”, vengono malamente “cotti”, senza nessun gusto e fantasia, come del resto capita a molte altre verdure.

In realtà i cavoli sono ottimi: e ben lo sanno i popoli europei del nord e del sud che da secoli ne hanno fatto l’ingrediente principe di zuppe, minestre, fritti e stufati straordinariamente ricchi di gusto e profumo. E se qualche cavolo, come quello bianco invernale, con il suo sapore più delicato si presta ad essere gustato anche crudo e croccante in insalata, altri come la verza, con le sue foglie più dure e ricciolute preferisce essere “sfinito” in cotture un po’ più lunghe.

In generale però, tutti i popoli per antica tradizione sposano i cavoli quasi esclusivamente con wurstel e salsicce e poi con lardo, bacon, maiale, carni rosse ecc. ma il cavolo si accompagna perfettamente anche a pesce e formaggi e vive benissimo anche da solo, sapientemente speziato o esaltato da uno dei nostri straordinari extravergini.

Scelta e conservazione

Scegliete cavoli ben sodi e pesanti. Quelli verdi devono avere le foglie belle strette che formano una testa compatta. I cavoli si conservano bene in frigorifero 1 o 2 settimane. I cavoletti di Bruxelles, invece, vanno consumati nel giro di qualche giorno.

Cottura leggera

Per conservare al massimo le sostanze contenute nei cavoli, meglio consumarli crudi oppure cotti leggermente al vapore (7 minuti al massimo), oppure in pochissima acqua per limitare la dissoluzione delle componenti più utili alla salute.

Per conservarne i colori

Perché i cavoli non perdano i loro bei colori, versate nell’acqua di cottura succo di limone o un po’ di aceto.

Odore di cavolo

Se l’odore dei cavoli vi dà fastidio durante la cottura, potete provare a cuocerlo meno… oppure gettare nell’acqua di cottura un pezzo di pane o un gambo di sedano.

Cavoli per la pelle

Maschera detergente

Le virtù assorbenti e detergenti dei cavoli ne fanno un ottimo ingrediente per maschere destinate a purificare pelli grasse o miste.
Lavate, asciugate e schiacciate qualche foglia bella scura e spessa con un mattarello, applicate sul viso e lasciate in posa 20-30 minuti prima di sciacquare con acqua corrente.

E adesso… 5 ricette con i cavoli

Tortine di ricotta e porri alle mandorle con cavolfiore e salsa viola
Difficoltà: facile
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 40 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano


Ribollita con pecorino
Difficoltà: Facile
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 120 minuti
Ricetta di Carla Barzanò


Torta salata con bietole e verza
Difficoltà: Facile
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 50 minuti

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome