Gli ortaggi di stagione si prestano alla preparazione di molti piatti.. Per portarli in tavola in una veste ghiotta, potete preparate degli sformati ai quali potrete aggiungere gli ingredienti che più gradite. Gli sformati hanno il vantaggio di poter essere preparati in anticipo ed essere infornati all'ultimo minuto, ma anche  di poter utilizzare nell'impasto cibi che avanzano o comprati in quantità eccessive, per evitare inutili sprechi.

Assaggiate queste 6 varianati, tratte dal ricettario di "Cucina Naturale": Mini sformati di spinaci e tofu al rosmarino - Piccoli sformati di zucca e cipolle al rosmarino - Sformati di melanzane con peperoni intrecciati - Sformatini con salsa al gorgonzola - Sformatini di radicchio - Sformatini morbidi di noci e cavolfiore

Gli sformati sono piatti che incontrano spesso il gusto di grandi e piccini, per la loro consistenza morbida e il loro aspetto invitante. Si possono infatti servire utilizzando stampi dalle forme più svariate,  ma anche scegliere dei monoporzione. Possono così diventare nutrienti secondi, stuzzicanti antipasti, e persino dolci ghiotti.
La differenza la potete fare voi scegliendo gli ingredienti che più gradite. Può essere anche un modo per riciclare cibi avanzati, o alimenti comprati in quantità eccessive, da combinare con altri ingredienti.
Il segreto per la riuscita di un buon sformato è quella di non esagerare con grassi e alimenti di difficile digeribilità Noi vi proponiamo delle ricette leggere, e vi suggeriamo i trucchi per alleggerire queste pietanze, senza rinunciare al gusto.

Buono a sapersi

- E' importante scegliere teglie e casseruole, per la cottura in forno, realizzate con materiali di qualità, che favoriscano una cottura uniforme e che non richiedano un uso eccesivo di grassi. Sono ideali le casseruole in terracotta e gli stampi antiaderenti.
- Rivestite gli stampi con carta da forno per evitare di dover utilizzare olio o burro per ungerli..
- Per amalgamare l'impasto sostituite panna e formaggi con ricotta fresca e, per gli intolleranti ai latticini, una valida alternativa è il tofu o il "latte" di soia o di riso.
- Per arricchire di sapore e diminuire l'aggiunta di materie prime grasse, utilizzate erbe aromatiche e spezie. La cottura in forno ne esalterà i profumi.
- Per ridurre la quantità di formaggio grattugiato, sostituite con pangrattato ricavato da pane morbido, tipo pane in cassetta a cui toglierete in precedenza la crosta e a cui aggiungerete il formaggio grattuggiato in minor quantità e magari un trito di erbe.
- Per amalgamare l'impasto, evitate di fare un uso eccessivo di uova. Ne basta una sola, purchè la aggiungiate sbattendo per bene il rosso d'uovo, fino a renderlo quasi schiumoso, e separatamente  l'albume montato a neve. In questo modo avrà molta più resa e una maggior capacità di legare gli ingredienti.
- Se la farcia richiede l'uso di patate, fatele cuocere con la loro buccia, spellatele, schiacciatele e poi lasciatele raffreddare prima di preparare l'impasto dello sformato. In questo modo assorbirano meno olio e meno grassi

Mini sformati di spinaci e tofu al rosmarino
Difficoltà: Facile
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 45 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

Piccoli sformati di zucca e cipolle al rosmarino
Difficoltà: Facile
Preparazione: 25 minuti
Cottura: 50 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

Sformati di melanzane con peperoni intrecciati
Difficoltà: Media
Preparazione: 40 minuti
Cottura: 45 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

Sformatini con salsa al gorgonzola
Difficoltà: Media
Preparazione: 35 minuti
Cottura: 60 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

Sformatini di radicchio
Difficoltà: Facile
Preparazione: 20 minuti
Cottura: 45 minuti
Ricetta di Carla Barzanò

Sformatini morbidi di noci e cavolfiore
Difficoltà: Media
Preparazione: 0 minuti
Cottura: 0 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here