Lo yogurt e altri alimenti fermentati


Il libro racconta, nella prima parte, in un linguaggio molto comprensibile e chiaro, che cosa è la fermentazione, quali trasformazioni avvengono nel cibo di partenza, soffermandosi soprattutto su alimenti come lo yogurt, altri latti e verdure fermentate e sul loro potenziale benefico. Nella seconda parte del libro si passa all’uso in cucina con proposte di menu e ricette.

Editore: Tecniche Nuove
Pagine: 128
Formato: 14,5x21 cm
Anno: 2004
Prezzo: 7,90

Quasi tutti i popoli della terra hanno sviluppato, nel corso dei secoli, tecniche di fermentazione, applicandole agli alimenti più svariati: dai frutti dell’albero del pane a Tahiti, al mais germogliato in Messico, al miglio e al sorgo in Africa. In Giappone si fa fermentare la soia, nell’Estremo Oriente il pesce, nell’Europa del Nord e nel mondo slavo le verdure, soprattutto cavoli e barbabietole. Il pane e il vino, gli alimenti più antichi dell’uomo, utilizzano fermentazioni operate da una famiglia di microrganismi: i lieviti. Lo yogurt è ottenuto da una particolare fermentazione del latte e i batteri che ne sono responsabili, i lattobacilli, sono molto benefici. La prima parte del libro racconta in un linguaggio molto comprensibile e chiaro, che cosa è la fermentazione, quali trasformazioni avvengono nel cibo di partenza, soffermandosi soprattutto su alimenti come lo yogurt, altri latti e verdure fermentate e sul loro potenziale benefico. Nella seconda parte del libro si passa all’uso in cucina con proposte di menu e ricette.

L'autore

Angela Colli
Angela Colli insegna scienze nelle scuole superiori, collabora con la rivista Cucina Naturale. È autrice di altri libri usciti in questa stessa collana: Le calorie, Il cibo per lo sport, Lo yogurt e gli alimenti fermentati, Cucina naturale con la Zona. Vive e lavora a Pavia.

Zuppa di yogurt

Turchia
Ingredienti per 4 persone:
2 cetrioli lunghi e sottili,
mezzo spicchio di aglio,
1 cucchiaio di aceto bianco,
1 cucchiaio di aneto,
mezzo litro di yogurt,
2 cucchiai di olio d’oliva,
1 cucchiaio di foglie fresche di menta oppure mezzo cucchiaio di mente secca,
1 pizzico di sale.
1. Sbucciate i cetrioli, tagliateli in 4 spicchi nel senso della lunghezza, poi ricavatene
fettine molto sottili.
2. Mettete le fettine in una terrina e cospargetele con il sale.
3. Sfrofinate l’interno di un’altra terrina con lo spicchio d’aglio, versatevi l’aceto, lo yogurt e l’aneto.
4. Mescolate finché il composto avrà una consistenza semidensa (se necessario unite qualche cucchiaio d’acqua fredda); unite poi alla crema i cetrioli e distribuitela in piattini fondi,versate in ognuno un filo d’olio e cospargete di menta tritata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here