Lanciata la proposta di un “Patto per il Delta del Po”


14 associazioni – fra cui le più importanti del mondo del biologico - lanciano la proposta di un Patto territoriale e ambientale per il futuro del Delta del Po. Obiettivo: far diventare il Delta un’area pilota su scala nazionale e internazionale per la tutela della biodiversità e del paesaggio, l’assetto idrogeologico e l’adattamento ai cambiamenti climatici, lo sviluppo sostenibile

Un Patto territoriale – che trova i suoi presupposti giuridici nella legge n. 662/1996 –  su 5 filoni di intervento: 1. tutela e gestione integrata e dinamica della biodiversità e del territorio, tenendo conto dell’adattamento ai cambiamenti climatici, 2. corretta e oculata gestione del bacino fluviale e della risorsa idrica, garantendo la naturalità del fiume e la qualità delle acque; 3. lotta contro i fenomeni di bracconaggio faunistico ed ittico; 4. adozione  delle scelte produttive e tecnologiche più innovative a minore impatto su suolo, acqua e aria; 5. coinvolgimento e motivazione delle comunità e degli operatori locali nella corretta e dinamica valorizzazione del patrimonio naturale locali e nella riconversione e ottimizzazione degli impianti industriali e dell’apparto produttivo e delle pratiche agricole, anche attraverso la promozione dell’agricoltura biologica e biodinamica. E’ questa la proposta che è emersa dal dibattito su “Il futuro del Delta del Po – Tutela della biodiversità  e del paesaggio, equilibrio idrogeologico e sviluppo sostenibile” che si è svolto qualche giorno fa al Museo di Storia Naturale di Ferrara, promosso da: AIAB  – Associazione Italiana Agricoltura Biologica, AIPIN – Associazione Italiana per l’Ingegneria Naturalistica, APAB – Associazione Italiana Agricoltura Biodinamica, CIRF – Centro Italiano per la Riqualificazione Fluviale, CTS, Federazione Pro Natura, FEDERBIO, Italia Nostra, Legambiente, LIPU, Marevivo, Slow Food, Touring Club Italiano, WWF.

 

Leggi tutto su Telestense

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here