L’agrifoglio è considerata solo una pianta ornamentale, ma dalle foglie spinose si ricava un infuso dall’azione tonificante simile al caffè. Da provare!

Da sempre considerata una pianta protettrice, l’agrifoglio era ritenuta nella tradizione cristiana simbolo della corona di spine di Gesù e del suo sangue. Le sue bacche rosse colorano le case in inverno contribuendo alla tradizionale atmosfera natalizia. Attenzione però: le belle bacche sono molto tossiche e solo le foglie possono essere utilizzate, in sostituzione del tè o del caffè, dando vita a un infuso con simili poteri eccitanti. In effetti, l’agrifoglio appartiene allo stesso genere botanico dell’ llex paraguariensis, pianta che viene usata per produrre l’infuso matè, fortemente eccitante e popolarissimo in molti paesi del Sudamerica.

Carta d’identità

Che cos’è: l’agrifoglio è un albero sempreverde in grado di crescere fino ai 25 metri di altezza. Ha un fusto legnoso abbastanza sottile e abbondanti foglie di colore verde scuro. Il frutto compare solo sulle piante femminili e si tratta di una drupa rossissima che matura tra ottobre e novembre. Queste bacche rosse non vanno assolutamente mangiate per via della presenza di ilicina che è altamente tossica.

Dove e quando si raccoglie
: le foglie di agrifoglio possono essere raccolte durante tutto l’anno. Tra l’altro rimangono sulla pianta per circa 5 anni prima di staccarsi e cadere. Per questa ragione cercate di raccogliere quelle più giovani, che in genere sono le foglie più in basso e spinose. Le foglie posizionate più in alto sono invece prive di spine e presenti nelle piante più vecchie.

Il suo uso in cucina: l’aroma delicato delle foglie di agrifoglio è perfetto per realizzare tè, infusi o brodi. Questi ultimi possono essere una base interessante per piatti sia dolci che salati come gelati, sorbetti, risotti e zuppe.

Il consiglio: raccogliete solo le foglie di cui avete bisogno per utilizzarle sempre da fresche in modo da mantenerne intatte le proprietà organolettiche.

Tè di Natale all’agrifoglio

Ingredienti per 4 persone: 5 foglie di agrifoglio fresche, 3 foglie di alloro secche, 2 chiodi di garofano, 1 limone, 10 g di miele di acacia, pepe bianco.

Portate a ebollizione mezzo litro di acqua, tuffatevi le foglie di alloro, i chiodi di garofano, un pizzico di pepe bianco e fate bollire ancora per 2 minuti. Levate dal fuoco, filtrate il decotto e mettete in infusione le foglie di agrifoglio fresche spezzettate per 8 minuti. Filtrate nuovamente l’infuso e mescolatelo con il succo del limone e il miele. Distribuitelo in 4 tazze e servitelo.

LASCIA UN COMMENTO