Un frutto antichissimo , dal sapore zuccherino, che in questa stagione raggiunge il suo momento biologico migliore e quindi il più adatto per assaporarla in tutte le sue varietà, anche in cucina! Scopriamo caratteristiche e benefici dei vari tipi di pera, ma soprattutto, qualche veloce ricetta con questo delizioso frutto.

Ricette: Insalata aromatica di pere - Pennette alle pere rosse - Pere con miele allo zafferano - Tartare di trota con confettura di cipolle e agretto di pere - Patate, pere e parmigiano con olio al peperoncino - Torta di pere al miele

Cantate da Omero e apprezzate in tutto il Medioevo, le pere sono state il primo esempio di frutta “globalizzata”. Consumi, coltivazioni, innesti e nuove varietà hanno accompagnato la storia dello sviluppo delle relazioni agricole e commerciali tra Paesi e oggi troviamo infatti questo frutto in tutto l’emisfero temperato.
Tra i detti popolari non esiste “una pera al giorno toglie il medico di torno” eppure questo frutto, oltre ad essere dolce e saporito è sicuramente salutare. Il sapore zuccherino è dato dal fruttosio, lo zucchero naturale con il più alto potere dolcificante, ma nel contempo il più facilmente assorbito dall’organismo e con le minori implicazioni metaboliche.
Nonostante il sapore dolce, è l’ideale per la dieta: un frutto medio-grande, infatti, non arriva alle 100 calorie e ha un elevato potere saziante. La pera è inoltre ricca di vitamina C, facilmente assorbibile grazie alla presenza degli acidi della frutta che, insieme a fenoli, presenti in abbondanza soprattutto nei frutti maturi, li rendono un alimento ad elevata azione antiossidante.
È anche una miniera di potassio e questo la rende un integratore naturale utile a chi fa prolungati sforzi fisici, come gli sportivi. Non è infine da trascurare la ricchezza di vitamina PP, utile per la pelle e per la salute del sistema nervoso. Se tutte queste caratteristiche le trasferiamo nella nostra dispensa e vi aggiungiamo un pizzico di fantasia ai fornelli il risultato non potrà che essere soddisfacente sia al palato sia per il benessere del nostro organismo.

Le combinazioni ideali

SI
•    Cotta: gli zuccheri complessi delle pere, le pectine, che costituiscono la quasi totalità delle fibre, permettono alla pera un’ottima resa in cottura solo se non cucinata per tempi lunghi e ad elevate temperature che ne farebbero perdere le vitamine in essa contenute. Risultano però più digeribili e più adatte a essere consumate da chi soffre di colite, patologia che sconsiglia il consumo di pere crude, soprattutto quando poco mature.
•    Con i formaggi: la combinazione è ottima con i formaggi più ricchi di caseina, come la feta, il Parmigiano Reggiano, il Grana Padano e il pecorino. La sapidità di tutti questi formaggi e il sapore pungente, in particolare della feta, trova un abbinamento felice con la dolcezza della pera.
•    Con la frutta asprigna: in particolare con agrumi e mele. L’acido malico e l’acido citrico di questi frutti favoriscono e accelerano l’assorbimento del potassio contenuto nella pera: una macedonia con tutti questi frutti si rivela quindi una colazione o merenda ideale per chi ha dei cali energetici.
•    Con insalate acidule: rucola e radicchio che si caratterizzano per il loro sapore amarognolo trovano un accostamento perfetto con la componente zuccherina della pera matura, ma non troppo.

NO
•    Con i legumi: la ricchezza di zuccheri semplici delle pere contrasta l’alcalinità di cui ha bisogno lo stomaco per digerire bene alimenti ricchi di amido e di proteine come i legumi.

Le varietà italiane

La fine dell’estate e l’inizio dell’autunno sono il periodo in cui si trovano le migliori varietà di pere, soprattutto italiane. Il 70% delle pere nazionali è prodotto in Emilia Romagna. Particolarmente apprezzate sono quelle della provincia di Mantova che hanno anche l’indicazione geografica protetta (IGT). Ecco le più apprezzate varietà di questo periodo:
•    William rossa: il frutto è medio, con buccia liscia, giallastra, sfumata di rosso. La polpa è biancastra, molto succosa, dolce-acidula, con aroma moscato caratteristico. Oltre che per il consumo fresco, le William rosse sono ottime per la cottura e per i centrifugati.
•    Passacrassana: frutto di grandi dimensioni, con buccia gialla alla maturazione, spesso alquanto rugginosa nella zona del peduncolo. La polpa è bianca, granulosa e zuccherina. Tra le diverse varietà è quella che contiene più fibre ed è dunque la più saziante. Ideale per i dolci.
•    Decana: generalmente ha grosse dimensioni, buccia giallo-verde, liscia e cosparsa di numerose e piccole “lenticelle”. La polpa è bianca, fine, succosa, dolce-acidula e aromatica. È la varietà più ricca di fruttosio, quindi la più adatta per la preparazione di confetture.
•    Conference: tipica pera emiliana di media dimensione, con buccia verde-giallo bronzato. La polpa è bianco giallastra, molto succosa, dolce e aromatica, poco acidula e per questo la più apprezzata dai bambini ma la meno adatta alla cottura. Indicate per lo svezzamento dei neonati, a partire dai 6 mesi.
•    Abate: frutto a forma allungata, buccia giallo-ruggine. La polpa è bianca, granulosa, molto succosa, zuccherina e aromatica. I frutti, molto resistenti, arrivano freschi di mercato nelle ultime settimane di settembre e sono quelli che meglio si conservano sia in frigo, sia a temperatura ambiente. Ideali per macedonie e dessert.
•    Imperatore: pur essendo una delle varietà meno consumata, ha la particolarità di essere la più ricca di potassio e vitamine. Si presenta con buccia rugginosa su sottofondo giallo bronzeo. La polpa è bianco giallastra, consistente, appena granulosa, succosa, dolce-acidula, meno aromatica della altre varietà.

Scopriamo con alcune ricette la morbidezza e la rotondità di sapore di questo succulento frutto.

Insalata aromatica di pere
Difficoltà: Facile
Preparazione: 0 minuti
Cottura: 0 minuti
Ricetta di Saverio Pepe

Pennette alle pere rosse
Difficoltà: Facile
Preparazione: 0 minuti
Cottura: 0 minuti
Ricetta di Saverio Pepe

Pere con miele allo zafferano
Difficoltà: Facile
Preparazione: 50 minuti
Cottura: 30 minuti
Ricetta di Federico Bruno

Tartare di trota con confettura di cipolle e agretto di pere
Difficoltà: Media
Preparazione: 35 minuti
Cottura: 40 minuti
Ricetta di Alfio Fascendini

Patate, pere e parmigiano con olio al peperoncino
Difficoltà: Facile
Preparazione: 20 minuti
Cottura: 15 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

Torta di pere al miele
Difficoltà: Media
Preparazione: 25 minuti
Cottura: 45 minuti
Ricetta di Carla Barzanò

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here