L’AS.SE.ME chiede al governo di fermare gli organismi geneticamente modificati


In una lettera al Presidente Letta e ad altri membri del governo l’Associazione Sementieri Mediterranei ha manifestato la propria forte preoccupazione sul pericolo d’inquinamento da OGM connesso all’intenzione della Regione Friuli Venezia Giulia di permettere la loro coltivazione

In una lunga lettera al Presidente Letta e ad altri membri del governo l’Associazione Sementieri Mediterranei ha manifestato la propria forte preoccupazione sul pericolo d'inquinamento da OGM connesso all’intenzione della Regione Friuli Venezia Giulia di permettere la loro coltivazione approvando una legge regionale che regoli la coesistenza fra coltivazioni OGM, coltivazioni convenzionali e biologiche. Ne ha dato notizia l’Agenzia parlamentare. La preoccupazione dell’AS.SE.ME nasce dalla convinzione – condivisa da tanti scienziati, cittadini e associazioni agricole e ambientaliste – che “questa coesistenza è del tutto impossibile. In concreto, introdotti gli OGM nell’ambiente, ogni vegetale convenzionale e biologico in breve tempo risulterà inquinato dagli stessi, con uno sconvolgimento della nostra agricoltura, dei suoi assetti e dell’ambiente”. La lettera prosegue analizzando le conseguenze per l’agricoltura, l’ambiente e la salute umana di questo inquinamento e si chiude chiedendo un tempestivo intervento del Governo per evitare che ciò possa avvenire.

Leggi tutta la lettera

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here