L’agricoltura biologica è più produttiva di quanto ritenuto finora


A dirlo è una ricerca della University of California Berkeley che esaminando 115 studi in materia è arrivata alla conclusione che le coltivazioni biologiche, in media, danno sì risultati inferiori rispetto alle colture tradizionali ma solo del 19,2%, una differenza minore delle stime precedenti

L'agricoltura biologica è molto più produttiva di quanto pensato: le coltivazioni senza pesticidi, in media, sono il 19,2% inferiori rispetto alle colture tradizionali, una differenza minore delle stime precedenti. A dirlo è una ricerca della University of California Berkeley – di cui riferisce una nota dell’ANSA - http://www.regione.vda.it/notizieansa/details_i.asp?id=204496, che ha messo insieme i risultati di 115 studi in materia. E questo divario potrebbe essere persino inferiore; a detta dei ricercatori, infatti, gli studi precedenti erano spesso di parte, in favore dell'agricoltura tradizionale. Questa differenza tra agricoltura bio e tradizionale può inoltre assottigliarsi ancor di più ricorrendo ad alcune tecniche: per gli studiosi, la coltivazione multipla (ossia più colture contemporaneamente nello stesso terreno) è in grado di ridurre il divario al 9%, mentre la rotazione delle colture all'8%.
I ricercatori hanno poi evidenziato come il gap tra biologico e tradizionale vari a seconda della colture: non ci sono differenze significative, ad esempio, nelle coltivazioni di legumi, come fagioli, piselli e lenticchie. "Il nostro studio - ha dichiarato Lauren Ponisio, tra gli autori della ricerca - sottolinea che attraverso gli investimenti adeguati nell'agroecologia", "la differenza nei raccolti potrebbe essere ridotta o persino eliminata in alcune coltivazioni o regioni", ha sottolineano Lauren Ponisio. La ricerca, pubblicata su Proceedings of the Royal Society B, contrasta così l'idea diffusa che l'agricoltura biologica, pur offrendo un'alternativa più sostenibile per l'ambiente di quella tradizionale, non possa produrre abbastanza cibo per sfamare il mondo. "Aumentare la proporzione di agricoltura che utilizza metodi sostenibili e biologici non è una scelta, ma una necessità", ha sottolineato Claire Kremen, docente a Berkeley e tra gli autori della ricerca. "Non possiamo continuare a produrre cibo in futuro senza prenderci cura del nostro suolo, dell'acqua e della biodiversità". A questo 'appello' della professoressa Kremen sembrano rispondere nei fatti i consumatori: il numero di chi acquista alimenti bio è in costante crescita. E se in Europa negli ultimi 10 anni la richiesta di prodotti bio è quadruplicata, in Italia la corsa al biologico nel 2014 ha raggiunto un aumento a doppia cifra: nei primi sei mesi dell'anno i consumi di cibi bio sono aumentati del 17%, nonostante la crisi e il costo più elevato rispetto ai prodotti tradizionali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here