L’agenda agricola per l’anno 2015


L’ha presentata a Berlino nel corso dell’International Green Week, il commissario europeo Phil Hogan. Ha parlato di post quote latte, semplificazione della Pac, riforma del biologico, Ogm, negoziato commerciale Unione europea - Stati Uniti (Ttip) e benessere animale

Intervenendo all’ottantesima edizione dell’International Green Week di Berlino, manifestazione dedicata al cibo e all’agricoltura, il commissario europeo all’Agricoltura Phil Hogan – riferisce un articolo su Agronotizie - ha toccato i temi all’ordine del giorno dell’Europa agricola.  Fra questi le quote latte, la riduzione della burocrazia, la riforma del biologico, gli Ogm, il negoziato commerciale transatlantico fra l’Unione europea e gli Stati Uniti (Ttip), il benessere animale.
Sulla riforma del biologico Hogan ha ricordato che nello scorso semestre è stato avviato un processo per la revisione delle regole del biologico, ancorate al 1992. “Sfortunatamente – ha aggiunto – la proposta di riforma non è andata avanti velocemente così come avremmo voluto”. Alcuni dei requisiti, stando alla stessa Commissione, erano troppo elevati per essere recepiti senza conseguenze negative sulle produzioni biologiche, che avrebbero potuto subire una decisa flessione in una fase in cui i consumatori mostrano invece interesse crescente verso il bio.
In ogni caso, ha detto il commissario, “la discussione si sposterà dal Consiglio al Parlamento europeo, e se i ritmi non saranno così rapidi come avrebbero potuto essere fino allo scorso dicembre, rimaniamo ottimisti che si arriverà ad un’intesa intorno alla metà di quest’anno”. Il dossier sul biologico, conferma Hogan, rimane una priorità. Manca ancora l’ufficialità, ma una nuova normativa che prevede parametri più restrittivi in chiave sia di produzione che di importazione di materie prime biologiche potrebbe entrare in vigore nel 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here