Home Cavolo cappuccio rosso

Cavolo cappuccio rosso

I romani già ne facevano largo uso in cucina ma ne apprezzavano anche le proprietà medicinali. Questo ortaggio ha costituito per molti secoli uno degli alimenti principali degli equipaggi delle navi, per assicurare loro un efficace nutrimento, ricco com’è di preziose vitamine e minerali, durante i lunghi viaggi in mare.

Acquisto

Tra le varie crucifere il cavolo cappuccio è quello che più facilmente marcisce, per cui all’acquisto deve essere privo di macchie scure. Le sue foglie sono lisce e lucide ricoperte da una sostanza cerosa, la pruina, che le rende oleose al tatto. Può avere anche foglie bianche, varietà Alba, o rosse, varietà Rubra. La prima è la migliore per sapore e resa. Si differenzia dal cavolo verza per le foglie lisce e la forma a palla più compatta.

Proprietà

Questa varietà di cavolo è utilizzata sia cotta sia cruda, ha un basso valoreenergetico, solo 20 calorie per 100 grammi, un equilibrato contenuto vitaminico (in particolare del gruppo B e C) e un discreto contenuto di Calcio, Fosforo e Potassio. Diuretico e vitaminizzante è utile nelle diete dimagranti e disintossicanti.

Tutte le ricette con Cavolo cappuccio rosso

Gnocchi puntinati di patate al cavolo rosso con cuore di pecorino

Primo Ricetta vegetariana Difficoltà: Media Preparazione: 40 minuti Cottura: 30 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano
Ricetta di Paola Galloni

Speciali burger vegetali dai quali, mantenendo basso l'apporto di cereali e olio, si possono trarre i benefici dell'avocado controllando le calorie

Ricetta di Lisa Casali

Un'interpretazione degli amati rotolini giapponesi, tutta vegetale e con un uso sapiente di ingredienti insoliti ricavati da ortaggi di stagione

Ricetta di Michele Maino

Le foglie di cavolo fanno da involucro di questi gustosi cannelloni ripieni con una saporita farcia al tofu, legumi e frutta secca

 

Involtini di cavolo rosso al miglio

Secondo Ricetta vegetarianaSenza glutine Difficoltà: Media Preparazione: 40 minuti Cottura: 50 minuti
Ricetta di Carla Barzanò
Ricetta di Diletta Poggiali
css.php