Nei vigneti biologici ci sono più formiche, sia come numero di specie, sia di individui


Il contributo che danno le formiche alla riuscita delle buone pratiche agricole riguarda innanzi tutto la quantità di gallerie che costruiscono nel terreno e che contribuiscono ad arieggiarlo migliorandone la qualità. Inoltre alcuni tipi di formiche predano insetti nocivi per alcune piante coltivate. Lo studio è stato realizzato da ricercatori italiani nell’area del Chianti

e formiche che vivono sottoterra, nei formicai, creano numerosi tunnel che permettono all'aria di circolare attraverso il suolo, rendendo il terreno più produttivo a vantaggio dell'agricoltura, cosa che molti ignorano. Alcuni tipi di formiche predano e uccidono altri insetti che si nutrono di alcune colture. Riguardo a questi insetti, un recente studio pubblicato sulla rivista Agriculture, Ecosystems & Environment  - riferisce un notizia pubblicata dal SINAB - ha rilevato che i vigneti biologici in Italia supportano più specie di formiche rispetto ai vigneti gestiti convenzionalmente. Per lo studio comparativo, i ricercatori hanno scelto i vigneti biologici e convenzionali che hanno utilizzato pratiche di gestione del suolo simili, come la frequenza della lavorazione del terreno e che erano circondati da habitat simili. I loro risultati hanno dimostrato che il numero di formiche e di specie per unità di superficie era maggiore nei vigneti biologici rispetto alle loro controparti convenzionali. Per gli autori questa differenza è in gran parte dovuta all'uso di insetticidi nei vigneti convenzionali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome