In una cripta nel freddo artico oltre 800.000 semi


E’ la Global Seed Vault, scavata nella roccia di una delle isole Svalbard, destinata a custodire i semi di tutto ciò che è commestibile sul pianeta

A sei anni dalla sua inaugurazione il 26 febbraio 2008, si legge su Ecoblog.it, la Global Seed Vault nelle isole Svalbard contiene oltre 820000 semi da ogni parte del mondo. In questi giorni ne vengono aggiunti altri 20000, tra cui fagioli brasiliani e orzo giapponese, con l’ obiettivo di arrivare a raccogliere quattro milioni e mezzo di sementi di tutto ciò che è commestibile sul pianeta.
La “cripta dei semi” nasce da un’idea  del governo norvegese, per custodire in un luogo sicuro il prodotto di 10000 anni di agricoltura umana, una sorta di assicurazione contro ogni possibile futura catastrofe, dalla guerra nucleare al collasso dell’agricoltura ipertech OGM. Tra i finanziatori dell’opera ci sono vari governi oltre a quello della Norvegia, la Fondazione Bill Gates e anche diverse multinazionali dei semi.
Da lungo tempo gli scienziati erano allarmati per la perdita di biodiversità nei raccolti agricoli e per la vulnerabilità delle singole collezioni nazionali di sementi, che potrebbero andare distrutte in caso di guerre o incidenti. E’ stato possibile realizzare la cripta solo in seguito al tratto internaizonale su cibo e le risorse genetiche del 2004 che ha definito il contesto legale in cui attuare l’operazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here