Il latte biologico è di qualità superiore, nonostante la minor presenza di iodio


Questa la conclusione di una ricerca condotta in Spagna e pubblicata dalla rivista Food and Chemical Toxic: “Quantunque il latte biologico abbia un minor contenuto di certi minerali, ha altre proprietà molto più benefiche di quelle del latte convenzionale”

“Latte biologico: è meno nutriente del latte tradizionale”, “Latte Biologico, meno nutrienti di quello convenzionale”, “Latte biologico carente di elementi nutritivi”. Questo il tenore quasi unanime dei titoli che stanno circolando sul web. Se si ha la pazienza di leggere gli articoli, però, è subito chiaro che il titolo non corrisponde affatto al contenuto della notizia. La notizia è questa: un gruppo di ricercatori spagnoli dell’Università di Santiago di Compostela guidati dalla professoressa Marta Lòpez ha esaminato oltre 30 campioni di latte biologico mettendoli a confronto con altrettanti campioni di latte convenzionale. Fra i risultati dell’indagine è emerso che nel latte biologico c’è una presenza inferiore di alcuni minerali (iodio, rame, selenio, zinco) rispetto a quello convenzionale. Il motivo è semplice: l’alimentazione degli animali in allevamento convenzionale include la somministrazione di integratori alimentari contenenti questi minerali. Nell’allevamento biologico no. Ma la minore presenza nel latte bio di questi minerali rappresenta un problema per l’alimentazione umana? I ricercatori ritengono di no – altre sono le fonti principali di questi elementi nutritivi – fatta eccezione che per lo iodio. Per questo stanno sperimentando, a quanto dicono con successo, di risolvere il problema integrando con alghe marine ricche di iodio l’alimentazione delle bovine negli allevamenti biologici. (D’altre parte, sia detto per inciso, la questione dell’apporto di iodio nella dieta non passa necessariamente da quello che assumiamo con il latte. In Italia, per esempio si punta sull’additivazione del sale). La conclusione cui è arrivata la ricerca, dunque, non è affatto quella che vorrebbero suggerire i titoli ricordati all’inizio: il latte biologico ha una qualità nutrizionale inferiore a quello convenzionale, al contrario. Secondo la professoressa Marta Lòpez: “Quantunque il latte biologico abbia un minor contenuto di certi minerali, ha altre proprietà molto più benefiche di quelle del latte convenzionale, come il suo profilo lipidico o il suo alto contenuto in acido linoleico coniugato e in Omega-3”.

Per saperne di più

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here