Le 8 regole anticancro


Da centinaia di migliaia di anni, l’essere umano è perfettamente equipaggiato per la lotta per la sopravvivenza. I tempi, però, sono cambiati, e con loro lo stile di vita e le abitudini alimentari

Editore: Tecniche Nuove
Pagine: 192
Formato: 17x23,5 cm
Anno: 2012
Prezzo: Euro 19,90

Da centinaia di migliaia di anni, l’essere umano è perfettamente equipaggiato per la lotta per la sopravvivenza. I tempi, però, sono cambiati, e con loro lo stile di vita e le abitudini alimentari.
Poiché il metabolismo non è in grado di adeguarsi abbastanza rapidamente a questi cambiamenti, sempre più persone si ammalano di cancro e altre malattie della civilizzazione – conseguenza diretta della vita non “umana”. Un’equipe di scienziati di grande esperienza in diverse discipline ha sviluppato, su queste basi, otto regole che ci riportano in sintonia con i nostri geni.

Gli autori

 

Anna Cavelius

Dopo la laurea in Filosofia all’Università di Monaco e specializzazioni nelle Università di Siena e Salamanca, ha lavorato per varie riviste e quotidiani. Dal 1995 lavora come autrice scientifica libera professionista e ghost writer.

Freerk T. Baumann

Ha studiato Scienze motorie, specializzandosi in riabilitazione e medicina dello sport. Terapista sportivo presso la Clinica per il trapianto di midollo e l’ematologia/oncologia di Idar-Oberstein. Dal 2009 è collaboratore scientifico e docente presso l’Istituto per la ricerca sulla circolazione e la medicina dello sport. La sua attività di ricerca si concentra su “attività fisica, sport e cancro”. È autore di varie pubblicazioni scientifiche, nel 2009 ha ricevuto il premio Helmut-Wölte per la psico-oncologia.

Johannes F. Coy

Biologo, ricercatore sul cancro e scopritore della via metabolica del TKTL1, ha lavorato per 11 anni presso il Centro tedesco per la Ricerca sul Cancro di Heidelberg. Ha fondato un’azienda farmaceutica e due aziende di diagnostica per sfruttare le conoscenze sul gene TKTL1 per lo sviluppo di nuove terapie e test diagnostici per il cancro. Su questa base ha sviluppato alimenti in sintonia con la struttura genetica e biochimica degli esseri umani.

Jörg Spitz

Specializzato in medicina nucleare e dietologia, si è concentrato per lungo tempo su quanto avveniva alla fine del processo della malattia. Oggi si occupa dello sviluppo delle malattie prima che si manifestino clinicamente ed è uno specialista della vitamina D. Ha sostenuto la costituzione della Rete Europea per la promozione della Salute e ha fondato la “Deutsche Stiftung für Gesundheitsinformation und Prävention” il cui obiettivo è trasmettere competenze sanitarie perché sia possibile adottare uno stile di vita “umano”, aumentando la qualità della vita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome