Semi di canapa in cucina e un semplice suggerimento d’uso

5 | 1 voto/i

I semi di canapa hanno caratteristiche nutrizionali molto interessanti e utili e possono essere usati in molte preparazioni a iniziare dalla colazione fino ad arrivare ai dolci!

Rispetto ad altri semi quelli di cui vi racconto oggi sono di più recente introduzione in cucina grazie al fatto di aver finalmente riconosciuto la polivalenza a 360 gradi della pianta che li genera e con la quale è possibile realizzare numerose e utili cose per l’uomo.

Alimento proteico dall'alto valore nutrizionale i semi di canapa hanno un sapore delicato e molto gradevole che ricorda in buona parte quello dei pinoli, nella colazione del mattino possono essere un'ottima integrazione per migliorare il profilo proteico comparendo ad esempio nello yogurt.

Sappiamo ormai da tempo, infatti, che per una colazione efficace che ritardi al meglio i morsi della fame senza alzare troppo l’indice glicemico è importante consumare delle buone porzioni di proteine che se sono in gran parte di origine vegetale migliorano anche altri aspetti nutrizionali.

Nel resto delle portate il loro uso è ancora circoscritto all’interno della nostra cucina, ma meritano di essere conosciuti molto di più e soprattutto utilizzati.

Ad esempio come alternativa ai più classici semi di sesamo, girasole o zucca per arricchire insalate miste composte aumentando così anche in questo caso la quota proteica senza usare carne e pesce.

Con questo caldo non è certo il caso ma personalmente uso molto i semi di canapa anche per valorizzare come tocco finale di gusto e estetica vellutate, creme, minestre e zuppe come potete vedere in questo esempio.

C’è poi un risvolto che a me intriga molto, il loro uso in molti dessert di frutta come la comune macedonia e per realizzare eccellenti biscotti o torte a basso contenuto di zuccheri esterni.

Provate poi a inserirli nel pane fatto in casa dove oltre al sapore questi buoni semi migliorano la lievitatura e donano un piacevolissimo aroma di fondo.

A livello di benefici per l’organismo segnalo il loro contributo nella prevenzione dei disturbi cardiovascolari, parziale abbassamento del colesterolo, contrasto all’asma, miglioramento della qualità di pelle e capelli.

Da un punto di vista pratico, invece, la loro conservabilità temporale in dispensa è media (ovvero alcune settimane) se i semi di canapa sono riposti in frigorifero sia prima che dopo l’apertura della confezione di origine.

Uno spunto mio per usarli con qualche ortaggio tipicamente estivo? Eccolo qui: lavate e affettate dei pomodori maturi condendoli con buon olio e basilico fresco, appoggiateli su uno strato di zucchine grigliate lievemente salate, aspettate che i succhi dei pomodori aromatizzino al meglio le zucchine e arricchite con abbondanti semi di canapa.

Molto semplice, ma anche molto buono ve lo assicuro!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome