Festeggiare senza ingrassare


Che cosa bisogna fare per non ritrovarsi a gennaio con quei terribili 2-3 chili in più? Nessuna dieta, siamo a Natale, ma mettete in atto strategie a tutto tondo, dalle tisane al movimento, e vedrete che il pericolo sarà scongiurato

Il periodo delle feste natalizie è indubbiamente uno dei più attesi e dei più allegri dell’anno, anche dal punto di vista alimentare: ci si trova a tavola con parenti e amici, si riscoprono i piatti della tradizione o se ne creano di nuovi, ma sempre in un’atmosfera conviviale e allegra. Nessuno in questo periodo deve sentirsi a dieta ed è importante che la tavola rispetti le tradizioni nei giorni canonici di Natale, Capodanno, Epifania. Il rischio è che anche nei giorni intermedi si mangi di più o cibi più pesanti, perché sono avanzati dal cenone o perché ci sono stati regalati. Dopo due settimane di questo stile alimentare il fegato potrebbe risentirne, per non parlare di quei due o tre chili in più che spesso ci si ritrova a gennaio. Con un po’ di attenzione e qualche accorgimento mirato potete tenere il peso sotto controllo e aiutare il corpo a depurarsi tra una festa e l’altra, alternando a giorni ricchi di calorie giorni più leggeri.

Muovetevi di più

Per prima cosa, il moto. Se siete in vacanza, approfittatene per un’attività fisica quotidiana di almeno mezz’ora: una camminata a passo veloce, una seduta di più in palestra o piscina, ma anche fare le scale ogni volta che è possibile o la corsetta col cane. Ottimo, se è fattibile, andare al lavoro a piedi o in bicicletta: insomma l’obiettivo è “bruciare” più calorie. Inoltre, almeno in questo periodo dell’anno, pesatevi una volta a settimana, e correte ai ripari non appena vedete che il peso supera di un chilo il vostro abituale.

Via le tentazioni!

Occorrono anche brevi periodi di disintossicazione tra una festa e l’altra: mettete in congelatore dopo Natale i cibi elaborati che potrete riutilizzare dopo l’Epifania, chiudete in una scatola i cioccolatini e i torroni e per almeno un paio di giorni mangiate leggero.

Colazione light

Cominciate appena alzati, con acqua tiepida e il succo di mezzo limone o una spremuta d’arancia, con effetto depurativo. Poi una colazione leggera, a base di yogurt, anche di soia, che aiuta le funzioni intestinali, frutta fresca o essiccata (2 prugne e fichi secchi ricchi di fibre, per sentirsi sazi) e fiocchi di cereali per dare energia. Durante la mattinata occorre bere ancora acqua sotto forma di tè verde o tisane.

Tante verdure a pranzo

A pranzo, aprite il pasto con molta verdura cruda, di stagione: la più consigliata è quella leggermente amara come radicchio, indivia, carciofo crudo se volete agire sulla digestione, o molto ricca d’acqua e di sostanze antigonfiore come il finocchio, o rinfrescante per tutto l’apparato digerente come le carote. A seguire, una piccola porzione di cereali integrali ben cotti o semplicemente uno yogurt, anche di soia.

Frutta a merenda e zuppa la sera

Al pomeriggio, una porzione di frutta fresca o cotta, soprattutto mele, arricchite con spezie come la cannella, e per la sera una zuppa di verdure o un minestrone. Per un giorno potete fare a meno di un secondo vero e proprio, mentre nei giorni successivi consumate piccole quantità di legumi o tofu o ricotta. Al posto del pane optate per gallette di cereali come riso, farro, mais o qualche cracker di pane azzimo, che aiutano a ridurre il gonfiore addominale. Evitate tutti i grassi cotti, ma non rinunciate a un cucchiaio di olio extravergine d’oliva, rigorosamente crudo, utile per la pelle e il fegato.

Gli ortaggi di stagione che aiutano

Alcuni ortaggi sono più utili di altri per aiutare il corpo a disintossicarsi. Non fateli mancare sulla tavola delle feste.

•    Radicchio rosso e verde, indivia riccia o scarola crudi o cotti favoriscono la digestione.
•    Finocchi pochissime calorie, tante fibre, da sgranocchiare come aperitivo o da cuocere per zuppe delicate.
•    Zucca in purea al forno, aiuta le funzioni intestinali e soddisfa la voglia di dolce.
•    Cicoria e catalogna condite con olio e limone sono un ottimo depurativo.
•    Porri e cipolle hanno effetto diuretico e sono ricchi di sali minerali.
•    Carciofi, cardi e topinambur un sapore dolce-amaro utile al fegato.
•    Germogli di crescione e di alfa-alfa combattono la stanchezza.

Tisane per digerire e depurarsi

Una bella tazza di tisana, profumata e riscaldante, è ciò che ci vuole nei pomeriggi invernali per contrastare l’eccesso di cibo e allontanare le tentazioni più “goderecce”.

Per digerire

Alloro
: un paio di foglie in una tazza di acqua bollente, lasciate in infusione 10 minuti e servite con una fetta di limone.
Maggiorana: un cucchiaino di foglie in una tazza di acqua bollente, lasciate in infusione per 8 minuti, scolate e bevete lentamente. È ottima anche per contrastare gonfiori e per l’aerofagia.
Buccia di limone o arancia biologici: un pezzetto in una tazza d’acqua, fate bollire per 5 minuti e servite con un cucchiaino di miele d’arancio.

Per sgonfiarsi
Semi di finocchio: mettete 1 cucchiaino di semi di finocchio in una tazza di acqua, fate bollire 5 minuti, spegnete e filtrate. È anche diuretica.

Per ingannare l’appetito

Acqua d’orzo: fate bollire in un litro d’acqua 50 g di fiocchi d’orzo, preferibilmente biologici, per 20 minuti o 50 g di orzo perlato per un’ora, filtrate e bevete il liquido di cottura. Il sapore dolce dell’orzo non richiede l’aggiunta di altri dolcificanti. Ha un blando effetto lassativo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here