News: gli agrumi aiutano a prevenire i disturbi legati al sovrappeso


Che arance, limoni & company siano frutti benefici per il loro contenuto vitaminico e di altre sostanze salutari è cosa nota. Ma c’è qualcosa di nuovo: durante il 25° Congresso dell’associazione dei chimici americani (ACS) che si è appena tenuto, è stata presentata una ricerca nella quale gli antiossidanti presenti negli agrumi svolgerebbero un’azione di prevenzione nei confronti delle tipiche malattie legati all’obesità, ad esempio quelle cardiovascolari. In effetti, quando si ha un eccesso di grasso nell’organismo si crea una condizione di infiammazione cronica, dovuta anche alla produzione di radicali liberi – che hanno un effetto ossidante,  tossico (ma se sono pochi i radicali possono servire, vedi mio post precedente) – conseguenza delle “troppe” cellule adipose. Ebbene, nello studio presentato dai ricercatori brasiliani dell’ Universidade Estadual Paulista sono state somministrate ad animali non modificati geneticamente sia diete normali, che diete ricche di grassi, che diete ricche di grassi ma addizionate con un antiossidante della famiglia dei flavonoidi (ne sono stati testati tre) presenti in arancia, lime e limone. Ebbene, dopo un mese, gli animali che seguivano un’alimentazione grassa stavano già sviluppando i primi danni cellulari da stress ossidativo, ad esempio al fegato, al contrario dei gruppi che assumevano i diversi antiossidanti degli agrumi. Tutti e tre i gruppi mostravano una marcata riduzione di stress ossidativo, di danni al fegato, dei livelli di grassi circolanti nel sangue e della glicemia. I prossimi passi dei ricercatori saranno quelli di vericare il modo migliore per somministrare questi antiossidanti  e di provare la loro efficacia anche sull’uomo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome