Lui fuma e lei ingrassa


Tra i tanti effetti nocivi collegati al fumo passivo ora ce n’è uno in più: fa ingrassare. Secondo uno studio della Brigham Young University appena pubblicato sull’American Journal of Physiology: Endocrinology and Metabolism l'esposizione al fumo di sigaretta può effettivamente causare l’aumento di peso in quanto contribuirebbe ad alterare la sensibilità sistemica all'insulina. La causa di questo fenomeno sarebbe dovuto alle ceramidi, molecole lipidiche che, modificando i mitocondri nelle cellule, alterano la normale funzione cellulare. La conseguenza è, appunto, una diminuzione della sensibilità da parte delle cellule all'insulina (l’ormone che trasporta il glucosio dal sangue alle cellule, regolando così la glicemia). L’organismo produrrebbe più insulina per compensare questa resistenza delle cellule con un effetto pericoloso per il peso perché l’iperinsulinemia facilita la formazione dei depositi di grasso.

Mentre gli studiosi cercano dei modi per inibire le ceramidi nei fumatori passivi (proteggendoli da questi effetti), un consiglio dietetico utile per questa categoria è quello di seguire un’alimentazione a basso impatto glicemico che, limitando gli sbalzi glicemici riduce il bisogno di insulina. Cucinando le tante ricette che trovate nell’apposita sezione del sito, oppure consultando un libro come quello che vedete nella foto, con i miei consigli e le ricette dello chef Giuseppe Capano.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome