La dieta contro l’infiammazione


Hanno avuto una grande pazienza i ricercatori della University of South Carolina nel valutare circa 6500 articoli scientifici in merito al potenziale infiammatorio della dieta. E riscontrando dei gruppi di alimenti che aumentano l’infiammazione o che la abbassano. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Public Health Nutrition (PHN). Voglio ricordare che limitare gli stati infiammatori dell’organismo vuol dire prevenire anche patologie più gravi o evitare che gli stati di infiammazione si cronicizzino. Tra i cibi e le sostanze alimentari con proprietà antinfiammatorie sono stati trovati: aglio, carotenoidi (vegetali giallo-arancio), fibre, grassi omega 3 (pesce, semi oleosi), flavonoidi (vegetali rosa-viola), curcuma, tè, zenzero e magnesio. Le sostanze infiammatorie (per lo più contenute negli alimenti di origine animale e in quelli industriali) sono i grassi saturi e di colesterolo (carne, salumi, latte, burro, formaggi, uova), e i grassi idrogenati (prodotti da forno, dolci).

Come non concludere con questa bella ricetta stagionale che comprende le fibre del riso integrale, i carotenoidi della zucca e lo zenzero?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome