Consigli utili se il pranzo vi è rimasto sullo stomaco


 

Ricordatevi che lo stomaco non ha denti ma la  bocca sì. Se masticate poco lo stomaco dovrà lavorare tantissimo per riuscire a ridurre il cibo in poltiglia e “spedirlo” al duodeno. E la digestione si allunga...

Tenete presente che gli alimenti grassi e i fritti rallentano lo svuotamento gastrico, in altre parole rallentano la digestione. Scegliete pietanze senza salse  o intingoli, fantastiche fonti di grassi nascosti.

Affettate il più finemente possibile l'insalata e le verdure crude. Le loro fibre, difatti, spesso possono provocare gonfiori e pesantezza di stomaco. Sminuzzandole - e masticandole bene - sarà più facile digerirle.

Se vi risale aria dal basso, fate attenzione alle azioni che favoriscono l’ingestione di aria, come mangiare in fretta, fumare, masticare gomme e caramelle, bere bevande gassate.

La posizione eretta favorisce i movimenti peristaltici dello stomaco. Quando dopo la pausa vi sedete alla scrivania, cercate di rimanere con la schiena dritta. Tra l’altro, la posizione curva esercita una pressione sullo stomaco, impedendogli di lavorare bene. Quando riuscite, dopo mangiato fate una passeggiata rigenerante per avviare la digestione.

Se prendete la frutta come spuntino, a pranzo potete saltarla per abbreviare i tempi digestivi. Se, invece, vi sembra che questa vi gonfi, provate con mela e ananas che dovrebbero darvi minor fastidio. Comunque, non generalizzate ma regolatevi secondo la sensibilità personale. La frutta è un alimento prezioso per la nostra salute.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome