Calendario alimentare dell’avvento: 22 dicembre


Alimenti propiziatori

I pasti conviviali nell'ultima parte dell'anno hanno, secondo gli antropologi, un valore simbolico di passaggio,  di svolta da un vecchio ordine al nuovo, sovrapponibile ai banchetti nuziali. In entrambi è antica consuetudine che si mangi molto e che vengano serviti a tavola la maggior quantità e qualità possibile di cibi e bevande. L’abbondanza riveste un significato augurale per una futura vita coniugale felice o per un anno prospero e generoso. Il valore augurale viene anche rafforzato dai cibi stessi: la melagrana - cibo che simboleggia le ovaie della donna -  offerta agli ospiti augura fecondità. Oppure le lenticchie, dalla forma tonda che ricorda le monete, porteranno denaro (appunto) se mangiate a Capodanno.  Non è un caso che lenticchie e zampone probabilmente siano riconducibili ad antichi pasti sacrificali, utili per procurarsi la benevolenza degli dei.  Anche la presenza dell’uva a tavola o dell’uvetta sultanina nei dolci tipici di fine anno è di buon augurio: “Chi mangia uva a Capodanno avrà denari tutto l’anno” recita, infatti, un proverbio popolare nel Nord.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome