Calendario alimentare dell’avvento: 21 dicembre


La spezia del Natale

Che profumo hanno le vostre feste? Per me è quello della cannella, spezia natalizia per eccellenza. In particolare in questo periodo la troviamo miscelata ai chiodi di garofano, zenzero o scorze di agrumi nei tanti dolcetti o nei tè aromatizzati. E basta aggiungerla a un semplice dolce di frutta, come la crostata leggera di pere della foto, per renderlo speciale. La cannella, però, è una spezia unica non solo per il suo aroma ma anche per le proprietà salutari, tanto che è stata utilizzata come rimedio in tante medicine tradizionali - come la cinese - per una marea di disturbi: artrite, asma, disturbi mestruali, ulcere, febbre, per citarne alcuni. Studi scientifici hanno sostenuto proprietà terapeutiche di questa spezia come sedativo della muscolatura oppure come diuretico o come digestivo, tanto per fare qualche esempio. Arrivando all'alimentazione, la scoperta principale di questi ultimi anni riguarda il suo supposto effetto di ridurre la glicemia sanguigna. In uno studio condotto su diabetici di tipo 2, la quantità terapeutica andava da uno a sei grammi giornalieri: dopo 40 giorni i soggetti mostravano una riduzione della glicemia, trigliceridi e colesterolo. Tuttavia, sperimentazioni successive non hanno portato gli stessi risultati positivi, mentre è sempre risultata la benefica azione antiossidante esercitata dalla cannella. In attesa di ulteriori studi, io continuo sempre a metterne un pizzico nel mio tè...

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome