L’arte dell’accoglienza passa anche attraverso una tavola allestita dove è coinvolta, oltre al gusto e all’olfatto, anche la vista. Ecco come realizzare con semplici ingredienti e un pizzico di fantasia decori in grado di impreziosire anche la tavola più semplice

Decorare la tavola in occasione delle feste natalizie è un rito antico che si consuma in molte case e a cui tante persone scelgono di dedicare tempo e impegno per il gusto di accogliere nella maniera migliore i propri ospiti, ma anche per il piacere stesso di realizzare una bella composizione in cui esprimere tutta la propria creatività e attenzione verso gli altri.
Stoviglie, posate, bicchieri, portacandele, cesti, vasi e caraffe, tessuti pregiati, fiori e piante, sono i protagonisti che vengono portati in “scena” più comunemente, ma accanto ad essi si possono realizzare con le proprie mani deliziose decorazioni in grado di abbellire e valorizzare la tavola oltre a ingolosire il palato. Nulla di particolarmente elaborato o complicato, si può scegliere tra una sfiziosa varietà di oggetti realizzati con materiali, tecniche e tempi diversi, ma tutti di sicuro effetto scenografico per impreziosire la tavola nelle occasioni festive, ma anche in momenti meno impegnativi.

Idee e consigli

•    È importante non ricorrere a decorazioni troppo elaborate, la tavola non deve essere sovraccarica né di colori né di profumi e aromi che possono dare fastidio ai commensali.
•    Quando utilizzate le candele abbiate sempre l’accortezza di utilizzare contenitori o piattini che possano evitare che la cera coli sulla tovaglia o sugli alimenti.
•    I decori per arredare la tavola vanno scelti facendo attenzione che altezza e ingombro non creino fastidio agli ospiti.
•    Piccoli omaggi per ogni persona collocati in ogni posto a tavola sono sempre molto apprezzati. Per esempio potete preparare marmellate o verdure sott’olio messe in piccoli vasetti di vetro con graziose etichette che riportano la vostra produzione. Ma anche biscottini casalinghi chiusi in sacchetti di carta da pane con nastri o raffia, frutta essiccata e bastoncini di cannella o infine sacchettini di iuta riempiti di spezie o erbe aromatiche.

Candele di frutta
Una soluzione decorativa semplice da preparare anche all’ultimo minuto.
Occorrente
Piccole candele per diffusori (quelle tonde e basse avvolte in un contenitore di alluminio), frutti a scelta come kiwi, mandarini, mele, pere e arance, scavino o cucchiaino.
Procedimento
Dividete a metà o con un taglio a zig zag la frutta scelta. Scavate parzialmente la polpa del frutto con uno scavino o un cucchiaino dopo averla incisa con un piccolo coltellino e sistematevi all’interno la candela.

Cestino “porta macedonia”
Per servire in modo originale anche una semplice macedonia, un gelato o una crema al cucchiaio potete sbizzarrirvi con semplici e colorati cestini fatti con gli agrumi. Meglio, per la loro dimensione, arance o pompelmi.
Occorrente
Arance o pompelmi (uno per ogni invitato), riga limoni, coltellino piccolo e affilato.
Procedimento
Scegliete una grande arancia (o un pompelmo) con buccia liscia e senza macchie. Lavatela e asciugatela. Appoggiatela su un piano, togliete il peduncolo verde alla sommità. Se dondola tagliate alla base una fettina sottile per renderla stabile. Incidete la buccia con un riga limoni a intervalli regolari di mezzo centimetro partendo dalla sommità e fermandovi a un centimetro dalla base in modo da creare dei “riccioli”. Praticate due tagli verticali dall’alto fino a un po’ più della metà del frutto lasciando in mezzo una striscia di circa un centimetro che avrà la funzione di manico del cestino. Fate poi altri due tagli in senso orizzontale partendo da dove vi siete fermati con il taglio verticale. Tagliate, a questo punto, i due spicchi che si sono formati, ottenendo così la sagoma del cestino con il manico al centro. Svuotate delicatamente, con un coltellino affilato, l’arancia dalla polpa facendo attenzione a non intaccare la buccia esternamente o a tagliare il manico. Una volta pronto riempite il cestino con la macedonia, il dolce o quanto vi suggerisce la vostra fantasia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here