Dal 1 luglio scatta l’obbligo della “foglia Ue”


Alimenti "bio" comunitari, dal 1 luglio scatta l'obbligo della "foglia Ue" su prodotti confezionati. Facoltativa per quelli sfusi

Scatta dal 1° luglio, l'obbligo di segnalare con un marchio comunitario gli alimenti biologici preconfezionati prodotti in Italia o nei Paesi Ue, in modo da distinguerli da quelli extracomunitari.

Si è concluso, infatti, il periodo transitorio (2 anni) per l'adeguamento del settore degli alimenti bio alle nuove norme Ue sull'etichettatura. Nel campo visivo del logo biologico Ue, rappresentato dalla "foglia europea", dovranno figurare anche il numero di codice dell'organismo di controllo e il luogo di produzione delle materie prime agricole.

Garanzie per i consumatori
Obiettivo del nuovo marchio è quello di fornire visibilità a cibi e bevande biologiche, confermando un sistema di garanzie che sia effettivamente percepito dai consumatori. In particolare, che almeno il 95% degli ingredienti agricoli siano stati prodotti con metodo biologico. Solo in questo caso, infatti, può comparire la parola "biologico" o una sua abbreviazione nella denominazione di vendita del prodotto. Il prodotto deve anche essere conforme alle regole del sistema di controllo e certificazione, approvato da ogni singolo Stato membro.

Sfusi senza obbligo
Il logo resterà invece facoltativo per i prodotti biologici non confezionati e per quelli importati, Continueranno poi ad essere ammessi, insieme al marchio Ue, altri loghi nazionali (ancora non previsto in Italia, nonostante le sollecitazioni della Coldiretti), regionali o privati. L'idea di promuovere il settore agricolo biologico mediante l'introduzione di un logo europeo obbligatorio ha preso le mosse nel 2007, seguita dall'introduzione di un marchio vero e proprio nella normativa europea nel luglio 2010.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here