Cucina a vapore


Quando si parla di cucina a vapore il pensiero corre alla leggerezza, al piatto salutare, magari un po’ scipito e poco curato. Scorrendo le pagine di questo libro, il lettore scettico dovrà ricredersi: la cucina a vapore riserva sorprese di gusto, consente la preparazione di piatti prelibati e delicati ed è insuperabile non solo per mantenere colore e sapore delle verdure, o per la preparazione di pesci e crostacei, ma anche nella preparazione di primi piatti e dolci.

Editore: Tecniche Nuove
Pagine: 128
Formato: 14x21 cm
Anno: 2008
Prezzo: Euro 8,90

Possiamo pensare a una cucina di gusto che allo stesso tempo preservi e mantenga integro il più possibile il patrimonio nutritivo degli alimenti utilizzati facendoci consumare abbondanti elementi protettivi? E che magari circoscriva alla giusta dose le calorie, preservi le qualità dei grassi vegetali usati, esalti il sapore di erbe aromatiche e spezie, non ci richieda tempi troppo lunghi di preparazione, arrivi a farci riscoprire i sapori reali di cibi che cotture sbagliate ci hanno sempre negato?La risposta è sì e la strada per raggiungere questi obbiettivi è conoscere bene le tecniche di cottura più equilibrate, sapere sfruttare con sapienza le qualità organolettiche degli oli vegetali, in primis quello extravergine d’oliva, farsi aiutare da elementi complementari come semi e frutta secca capaci di migliorare consistenza e fragranza dei cibi, ricorrere alle essenze profumate nascoste nelle piante presenti in natura, scegliere di valorizzare e consumare in prevalenza gli alimenti vegetali in tutta la loro estesa varietà, ricorrendo alle proteine animali dei pesci, e solo in piccola parte della carne, come integrazione piacevole se pur non strettamente necessaria.

L'autore

Giuseppe Capano
Giuseppe Capano chef e docente in corsi di cucina, collabora da anni con Cucina Naturale ed è autore presso Tecniche Nuove di La cucina mediterranea delle verdure; in questa collana ha pubblicato sia da solo sia come coautore numerosi libri tra cui ultimamente: 100 cibi in conserva (2007), Prevenire il colesterolo (con Bruno Brigo, 2007). Vive e lavora tra Milano e Trento.

Coroncine di farro con salsa di melanzane

Preparazione: 20’
Cottura: 35’
Difficoltà: bassa
vegetariano,senza uova e latticini
Tipo di cottura: forno e lessatura
Ingredienti per 4 persone:
250 g di farro perlato,
2 piccole melanzane,
6 pomodori ramati medio-grandi,
1 grande mazzo di basilico fresco,
1 limone,
2 cucchiai di olive nere,
origano secco,
olio extravergine d’oliva,
sale.
1. Sciacquare il farro, disporlo in una casseruola, ricoprirlo con 1 litro circa di acqua e, dal momento dell’ebollizione,lessare il cereale per 35 minuti a fuoco medio-basso e pentola coperta fino a fargli assorbire quasi completamente il liquido di cottura.
2. Nel frattempo lavare le melanzane,metterle in una piccola teglia e cuocerle al forno caldo a 190 gradi per 15-20 minuti circa. Lavare anche i pomodori, dividerli a metà, eliminare i semi e tagliarli a dadini mettendoli in una ciotola, condirli con un pizzico di origano, 2-3 cucchiai di olio e un poco di sale.
3. Quando cotte, trasferire le melanzane in un vassoio e, aiutandosi con una forchetta e un coltello, pelarle ancora calde scartando buccia e picciolo; mettere la polpa in un colino a perdere acqua e farla raffreddare.
4. Sfogliare il basilico, lavarlo, metterlo in un frullatore, aggiungere la polpa delle melanzane insieme al succo spremuto del limone mescolato a 2 cucchiai di olio e frullare fino a ottenere una densa salsa.
5. Stendere il farro su un vassoio a intiepidire e mescolarlo con i pomodori, mettere il tutto a corona in 4 piatti piani, versare nel mezzo la salsa di melanzane, decorare con le olive nere e servire subito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here