Il biologico cresce in tutto il mondo


E’ quanto emerge dai dati che il Fibl ha presentato a Biofach, la fiera internazionale sul biologico che si è svolta nei giorni scorsi a Norimberga . Secondo i dati elaborati dall’Istituto di ricerca per l’agricoltura biologica, infatti, emerge che continua il trend positivo degli ultimi anni: aumentano i consumatori, aumentano i gli agricoltori, aumentano i terreni certificati biologici

Fibl ha presentato come di consueto, assieme a IFOAM,  nel contesto del BIOFACH di Norimberga, l'edizione 2018 de  "The World of Organic Agriculture" - Il mondo dell'agricoltura biologica" (dati del 2016). Ne da notizia il Sinab.  I dati mostrano  che il trend positivo osservato negli anni passati continua: aumenta il numero dei consumatori di prodotti biologici, più agricoltori coltivano biologicamente, più terreni sono certificati biologici e 178 paesi hanno fornito dati relativi al settore.  Il survey è supportato dalla Segreteria di Stato dell'economia svizzera (SECO), dall'International Trade Centre (ITC) e dalla NürnbergMesse, organizzatrice della fiera BIOFACH.

Il mercato biologico globale continua a crescere

La società di ricerche di mercato ‘Ecovia Intelligence’ stima che il mercato globale del biologico abbia raggiunto 89,7 miliardi di dollari nel 2016 (oltre 80 miliardi di euro). Gli Stati Uniti sono il mercato leader con 38,9 miliardi di euro, seguiti dalla Germania (9,5 miliardi di euro), dalla Francia (6,7 miliardi di euro) e dalla Cina (5,9 miliardi di euro). Nel 2016, la maggior parte dei principali mercati ha continuato a mostrare tassi di crescita a due cifre,  e il mercato biologico francese in particolare è cresciuto del 22%. La spesa pro capite più alta si è registrata in Svizzera (274 euro), mentre la Danimarca ha avuto la più alta quota di mercato (il 9,7% del mercato alimentare totale).

Quasi tre milioni di produttori nel mondo

Nel 2016 sono stati segnalati 2,7 milioni di produttori biologici. L'India continua ad essere il paese con il maggior numero di produttori (835.200), seguito dall'Uganda (210.352) e dal Messico (210.000). Anche i  terreni agricoli biologici sono aumentati,  del 15%, raggiungendo  quasi 58 milioni di ettari.

Alla fine del 2016 sono stati gestiti biologicamente 57,8 milioni di ettari, con una crescita di 7,5 milioni di ettari nel 2015, la più grande mai registrata. L'Australia è il paese con la più ampia superficie agricola biologica (27,2 milioni di ettari), seguita dall'Argentina (3 milioni di ettari) e dalla Cina (2,3 milioni di ettari).

Quasi la metà dell’ estensione delle terre coltivate biologicamente a livello globale si trova in Oceania (27,3 milioni di ettari);  segue l'Europa (23%, 13,5 milioni di ettari) e l'America Latina (12%, 7,1 milioni di ettari).

I paesi con la maggiore quota di biologico sono il Liechtenstein (37,7%), la Polinesia francese (31,3%) e Samoa (22,4%). In quindici paesi, il 10% o più di tutte i terreni  agricoli è biologico, un nuovo record.

Per saperne di più

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here