Accordo tra Banca Etica e Forum Agricoltura Sociale


Il protocollo permette di intensificare su tutti i territori le collaborazioni tra le filiali di Banca Etica e i Forum Regionali dell'Agricoltura Sociale, garantendo così finanziamenti e servizi bancari accessibili e trasparenti alle imprese che si occupano di agricoltura sociale

Martedì 15 settembre a Roma, presso la “Tenuta della Mistica” è stato siglato l'accordo tra Banca Etica e il Forum Nazionale  Agricoltura Sociale finalizzato a facilitare l'accesso al credito a favore delle imprese agricoleForum Agricoltura Sociale sociali. Ne riferisce un articolo de “Il diario del lavoro”.
Al Forum Agricoltura Sociale aderiscono 360 realtà tra cooperative, cooperative sociali e aziende agricole che coniugano l'utilizzo delle risorse della terra con attività sociali finalizzate a generare benefici inclusivi favorendo l'inserimento sociale e lavorativo delle persone svantaggiate e a rischio di marginalizzazione, anche nell'ambito di percorsi terapeutici. Tali attività sono realizzate in cooperazione con i servizi socio-sanitari e gli enti pubblici competenti del territorio e sottoposte a verifiche periodiche.
L'agricoltura sociale è dunque una prassi di sviluppo locale sostenibile socialmente, economicamente ed ecologicamente. Proprio per queste sue caratteristiche essa rappresenta uno dei settori maggiormente coerenti con la visione di sviluppo economico sostenibile e solidale che Banca Etica vuole sostenere. “Il protocollo – spiega Ugo Biggeri, presidente di Banca Etica – permette di intensificare su tutti i territori le collaborazioni tra le filiali di Banca Etica e i Forum Regionali dell'Agricoltura Sociale, garantendo così finanziamenti e servizi bancari accessibili e trasparenti alle imprese che si occupano di agricoltura sociale”.
“L'Agricoltura Sociale è per il Forum un modello produttivo di riferimento qualitativo e valoriale per tutta l'agricoltura. Utile per superare le laceranti conseguenze della fase di trasformazione che attraversiamo, per il recupero delle risorse ambientali e creare nuova occupazione con un impiego etico delle risorse finanziarie", dicono i portavoce del Forum Antonio Carbone e Ilaria Signoriello.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here