11esima edizione di“BioDomenica”


100 piazza in Italia e cinque continenti nel mondo (Australia,Africa, Sud America, Stati Uniti Europa) mobilitati per promuovere il consumo di prodotti biologici, sicuri e di qualità.  Prodotti legati al territorio, alle sue tradizioni, alla propria cultura.

Un appuntamento targato  Aiab, Coldiretti e Legambiente, che solo a Roma - in via dei Fori Imperiali - vedrà mobiliate più di 150 aziende agricole biologiche. Parlare di agricoltura biologica significa parlare di ambiente, tutela della biodiversità, salute, di alimentazione e gusto, benessere animale, di consumo critico e responsabile, di commercio equo e solidale e finanza etica. Sono queste le parole chiavi per un nuovo appuntamento con la Biodomenica - 3 ottobre 2010 - ideata e organizz ata da Aiab, Coldiretti e Legambiente. La presentazione dell’intera Campagna BioDomenica è prevista per il 30 settembre a Roma presso il Mercato di Circo Massimo, in via di San Teodoro 74, con un convegno su "Biologico Glocal: Nuove forme di agricoltura urbana" focalizzato sulla realtà sempre diffuse degli “orti urbani” seguito da una conferenza stampa. Una giornata di mobilitazione nazionale e mondiale,  per promuovere il consumo di prodotti biologici sicuri e di qualità, legati al territorio, alle sue tradizioni e alla sua cultura. Un evento per far conoscere le tecniche produttive e le pratiche agronomiche ecocompatibili, la loro praticabilità in tutto il pianeta, e la loro capacità di favorire un’equa ripartizione delle risorse, garantendone la loro conservazione per le generazioni future. La BioDomenica ha l’obiettivo di favorire l’incontro tra il mondo agricolo e i cittadini/consumatori, oltre che di sviluppare un movimento di opinione in grado di orientare il mercato e le istituzioni. Tema di quest'anno: “Biologico Glocal!” Il biologico oggi è una grande opportunità, perché permette, partendo da istanze “locali”, di rispondere a “livello globale” alla grande crisi climatica, alimentare ed economico-sociale. Il biologico si propone, infatti, a livello locale come un modello in grado di fornire le migliori risposte valorizzando il sapere locale, la biodiversità e il risparmio energetico. Il tutto concependo una distribuzione che ha come priorità il mercato interno e il rapporto diretto fra produttore e cittadino/consumatore.

Biologico Glocal! Risposte locali per azioni globali

Oggi il biologico si pone come una grande opportunità, partendo dal locale, per rispondere a livello globale alla grande crisi climatica, alimentare ed economico-sociale. La Biodomenica 2010 vuole mettere l’accento sulla caratteristica “Glocal” del movimento del biologico che oggi è costituito da persone provenienti da tutto il mondo ma che sono fortemente radicati nei territori locali, attraverso l’applicazione di metodi di produzione legati alla storia, la cultura, l’economia e l’ambiente locale.   I produttori biologici in tutto il mondo prestano attenzione alle tipicità del territorio, trovando soluzioni localmente sostenibili ed efficaci, valorizzando le risorse presenti e minimizzando gli eventuali svantaggi pedoclimatici, con l'idea di “agire localmente avendo però in mente l'intero siste ma". A livello globale il biologico rappresenta un modello di sviluppo agricolo in grado di contribuire alle principali sfide del nostro secolo quali i cambiamenti climatici, la conservazione della biodiversità, la crisi energetica, la sovranità alimentare e l’accesso al mercato per i produttori agricoli. Il termine glocal è stato utilizzato alla fine degli anni novanta in relazione alle città, ma oggi anche le aree rurali sono ricche di soggetti attivi nel processo di globalizzazione che non rappresentano recettori passivi degli input esterni. Il movimento del biologico rappresenta una fitta rete di risposte dal basso ai processi di cambiamento sociale ed economico delle aree rurali ed urbane. L’agricoltura biologica è un esempio di come le risposte locali interagiscono con le forze globali e di come il rafforzamento di tali interazioni può rappresentare un buon adattamento alla crisi globale. La Biodomenica 2010 rappresenta la prima esperienza del biologico italiano di coordinamento di una campagna di promozione a livello mondiale. Gli agricoltori biologici il 3 ottobre saranno presenti contemporaneamente su piazze in tutti e cinque i continenti. La realizzazione di una tale iniziativa rappresenta l’alto livello di comunicazione.

27 settembre 2010

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here